Stabili le condizioni della paziente 99enne che ha sconfitto il covid dopo il suo arrivo a Universo Salute

Appaiono stabili le condizioni della signora Isabella a poche ore dal suo arrivo all’Hospice di Universo Salute, a Bisceglie. La paziente, che ha sconfitto il covid a 99 anni, ieri ha lasciato la sua stanza del reparto universitario di malattie dell’apparato respiratorio dell’Ospedale D’Avanzo di Foggia, con destinazione Bisceglie, dove – per la prima volta – è stata ricoverata.

Falsa pertanto la notizia del suo “ritorno al Don Uva” riportata dai media. Ne consegue che l’infezione è stata contratta altrove.

“E’ un nuovo ricovero” spiega la responsabile dell’U.O. Hospice di Universo Salute, la dr.ssa Lidia Roselli, che aggiunge: “Ho appena conosciuto nonna Isabella: è una persona straordinaria… le sue condizioni appaiono stabili. E’ ricoverata comunque in isolamento, secondo prassi, circondata da tutto il nostro affetto. L’Hospice – conclude la dr.ssa Roselli – è sempre stato disponibile ad accogliere utenti non covid provenienti da altre strutture ove era in atto il contagio (come già avvenuto con una RSSA di Canosa lo scorso 19 aprile)”. Si evidenzia infine che tutti gli utenti ricoverati presso la struttura sono in buone condizioni cliniche.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Vendevano mascherine cinesi senza indicazioni in italiano, nei guai due farmacie (una di Bisceglie)

Mille mascherine irregolari. È quanto hanno scoperto i carabinieri del Nas di Bari nell’ambito dei servizi sulla commercializzazione di dispositivi medici e di destinazione d’uso sanitario. Nel corso di controlli presso una farmacia di Bisceglie e un esercizio commerciale di Bari, gestito quest’ultimo da una cittadina di nazionalità cinese, i militari hanno constatato la presenza di migliaia […]

In Puglia cambiano le regole sulle registrazioni dei casi positivi Covid

“Con le nuove regole sulla gestione dei casi confermati covid introdotte dal Governo nazionale, i test antigenici rapidi effettuati in farmacia o nei laboratori privati della rete regionale SARS-CoV-2 e registrati sul sistema informativo regionale sono stati resi equivalenti ai tamponi molecolari, senza necessità di conferma ai fini della sorveglianza e della gestione dei casi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: