Vecchie Segherie: domenica 27 settembre Cinzia Leone presenta il suo nuovo libro “Ti rubo la vita”

Domenica 27 settembre alle ore 18,30 le Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie ospitano la presentazione, organizzata dal circolo dei lettori – Presidio del Libro di Bisceglie, di Ti Rubo la vita di Cinzia Leone, edizioni Mondadori, dialoga con l’autrice Antonio Pasquale letture a cura di Daniela Rubini (ingresso libero sino ad esaurimento posti disponibili, prenotazione obbligatoria in ottemperanza alle norme Covid allo 080.8091021 – info@vecchiesegherie.it).  Ti rubo la vita racconta di tre donne: Miriam, Giuditta e Ester, tre donne forti, personaggi cangianti, capaci di cambiare il proprio destino: una musulmana, un’ebrea italiana degli anni Trenta e una donna di oggi. Tutte e tre subiscono un furto e spezzano un contratto.

Vite rubate. Come quella di Miriam, moglie di un turco musulmano che nel 1936 decide di sostituirsi al mercante ebreo con cui è in affari, costringendo anche lei a cambiare nome e religione. A rubare la vita a Giuditta nel 1938 sono le leggi razziali: cacciata dalla scuola, con il padre in prigione e i fascisti alle calcagna, può essere tradita, venduta e comprata; deve imparare a nascondersi ovunque, persino in un ospedale e in un bordello. Nel 1991, a rubare la vita a Esther è invece un misterioso pretendente che le propone un matrimonio combinato, regolato da un contratto perfetto… Ebree per forza, in fuga o a metà, Miriam, Giuditta ed Esther sono donne capaci di difendere la propria identità dalle scabrose insidie degli uomini e della Storia. Strappando i giorni alla ferocia dei tempi, imparano ad amare e a scegliere il proprio destino. Una saga familiare piena di inganni e segreti che si dipana da Istanbul ad Ancona, da Giaffa a Basilea, da Roma a Miami, dalla Turchia di Atatürk all’Italia di fine Novecento, passando attraverso la Seconda guerra mondiale e le persecuzioni antisemite, con un finale a sorpresa. Un caleidoscopio di luoghi straordinari, tre protagoniste indimenticabili e una folla di personaggi che bucano la pagina e creano un universo romanzesco da cui è impossibile staccarsi. Cinzia Leone ha scritto un romanzo unico, generoso e appassionante, di alta qualità letteraria e innervato da un intreccio che fugge in volata, rapendo l’immaginazione del lettore. Un libro che, nella gioia della narrazione, riflette sulla storia, l’identità, la tolleranza.

Cinzia Leone, giornalista, scrittrice e autrice di graphic novel, collabora con il “Corriere della Sera” e “Il Foglio”. Ha pubblicato i romanzi: Ti rubo la vita, Liberabile e Cellophane e cinque libri di storie a fumetti. Vive, scrive e disegna a Roma.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

ZÓNA RÒSSE O ZÒNA GGÌALLE? (Zona rossa o zona gialla?) (di Nicola Ambrosino)

Puglia:contagi in continua crescita. Si attendeva che questa regione diventasse zona rossa, ma inconcepibili politiche regionali sulla trasmissione dei dati sanitari, ci hanno fatto diventare “zona gialla”. Tutta una questione di soldi? Mah! Sarà! In ogni caso, dopo Capodanno…sarà peggio! BUONA LETTURA Ma tu véde! Véde a cùsse ìnde a néinde, che na mùsse, Emigliéine, […]

Biscegliegram: la cultura a portata di smartphone

“Mi chiamo Nunzia Pasquale, ho 23 anni e studio Biologia presso l’Università di Bari. Sono sempre stata affascinata dall’arte e della storia poiché credo fermamente che siano la testimonianza dell’umanità tramandata nei secoli, un racconto del nostro vissuto. Difatti Biscegliegram, nasce nell’ottobre del 2019 con l’obiettivo di diffondere queste conoscenze sulle piattaforme digitali, altrimenti destinate […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: