“Elios”, di Natale Buonarota

Elios si adagiò
sui prati della Trinacria.
Stanche le membra,
pesanti i calzari.
Aveva raggiunto ancora
l’Ovest del buio.
Percorso i cieli
accecati di luce.
Si adagiò
sui letti della Trinacria,
con i sette greggi
con le sette mandrie.
l’Ovest suonava il flauto di Pan,
nelle spire striscianti
nelle spore le note.
Elios fu il pentagramma vuoto
disegnato dal Mistral.
Io lo vidi da lontano.
Era lontano il fuoco,
ma mi riscaldo’ ancora,
l’ultima spora
posata sull’ape,
che ruppe il silenzio.

Natale Buonarota

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Libri, Vecchie Segherie: 14 autori svelano i loro preferiti in diretta web

Francesca Cavallo, Vera Gheno, Fumettibrutti, Mario Calabresi, Gabriella Genisi, Nicola Lagioia, Emanuele Trevi, Cristina Bellemo, Paolo Di Paolo, Giulia Blasi, Simonetta Agnello Hornby, Simona Saparaco e Massimo Gramellini e infine Chiara Gamberale  sono i protagonisti di Consigli d’Autore, iniziativa ideata e realizzata da Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie. Dal 9 al 21 dicembre sulla pagina Facebook della libreria si potranno seguire 13 […]

Le musiche immortali di Mauro Giuliani in un nuovo disco

Le musiche di Mauro Giuliani, tra i più famosi compositori per chitarra classica e nato a Bisceglie nel 1781, saranno contenute in un nuovo lavoro discografico. Lo presenta con un articolo dedicato, il giornale online Prima Pagina News. «Tra le prossime uscite discografiche -si legge nell’articolo- ci sarà un disco dedicato a Mauro Giuliani (Mauro […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: