Blocco Congedi Ordinari, Fials: mortificazione e rabbia tra il personale sanitario della Asl BT.

La Asl Bat per far fronte all’attivazione di ulteriori posti letto covid mediante riconversione di alcune unità operative del P.O. Di Barletta, con disposizione n°69399 del 11/11/2020 a bloccato i congedi ordinari a carico di tutto il personale dipendente della Asl BT Dirigenza e Comparto appartenente al ruolo sanitario e tecnico, per tutta la durata dell’emergenza.

FIALS seppur consci del periodo emergenziale che stiamo affrontando si chiede più flessibilità e maggior rispetto per il personale sanitario impegnato in prima linea a combattere il virus.

Agli operatori sanitari della ASL BAT è stato già chiesto il massimo, fin dai tempi in cui venivano chiamati eroi, la seconda ondata era attesa e non è pensabile che agli stessi lavoratori vengano continuamente richiesti turni massacranti esposti costantemente a rischio contagio che tra l’altro sta puntualmente avvenendo.

Infatti ogni giorno si scoprono operatori sanitari contagiati dal virus.

Siamo alquanto rammaricati dal ricevere numerosissime segnalazioni e disappunti rispetto alla disposizione che annuncia ancora una volta, e nonostante lo sforzo fisico e psicologico di tutto il personale sanitario, previsioni assolutamente pressanti e penalizzanti per gli operatori sanitari in particolare in ordine al blocco ferie e congedi.

Agli operatori sanitari, che stanno combattendo questa emergenza ogni giorno in prima linea, dovrebbe essere garantita quanto meno “la possibilità” di poter fruire delle ferie e dei congedi, (molti devono ancora smaltire le ferie pregresse dovute a croniche di personale).

In questo modo, invece, il personale è completamente blindato a monte: non già nella fruizione, ma nella richiesta.

L’impegno costante dei lavoratori si stà tramutando in disperazione e rabbia nei confronti di questa amministrazione.

Contestiamo, pertanto, l’assoluta mancanza di sensibilità nei confronti di un personale sanitario già allo stremo delle loro forze.

Per tutto quanto su dichiarato la Segreteria FIALS Bat guidata da Angelo Somma e Sergio Di Liddo, propone all’Azienda, in considerazione anche alle ultime procedure assuntive che la Asl sta effettuando in questi giorni la revoca, o la modifica della disposizione n° prot.69399 del 11/11/2020 relativa al blocco totale dei congedi ordinari, lasciando ai vari direttori di unita operative la facoltà di concedere piccoli periodi di ferie di almeno 5 giorni compatibilmente alle esigenze organizzative delle stesse, considerando questo periodo di forte pressione e stress psico fisico in cui versano la magior parte degli operatori sanitari, e una maggiore comprensione e apertura verso le esigenze degli stessi, che da sempre hanno mostrato non solo impegno e dedizione per ciò che fanno ma anche altissimo senso di responsabilità.

Non è, dunque, questo – ossia la chiusura verso ogni loro bisogno “unica ASL nella Regione Puglia” il ringraziamento che meritano dopo gli enormi sacrifici che si stanno affrontando in questa emergenza sanitaria senza precedenti.

Invitiamo ancora una volta i firmatari della disposizione ad essere più elastici nei confronti dei dipendenti nella fruizione dei vari istituti contrattuali.

 

 

La Segreteria Territoriale FIALS BAT

Angelo Somma – Sergio Di Liddo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Orto Schinosa, associazione oratoriani all’Amministrazione: destinato a coltivare ortaggi? C’era un altro progetto…

Qualche tempo fa era corsa voce  che per  l’Orto Schinosa esistesse un progetto che lo destinava a luogo dove coltivare ortaggi. Se la voce rispondesse al vero, sarebbe proprio il caso di dire che  la montagna ha partorito il topolino o, nella fattispecie, qualche chilogrammo di ortaggi. Dunque,  un luogo storico di Bisceglie che rappresenta […]

Soldani (Ordine Commercialisti): «Proroga scadenze fiscali al 10 dicembre inutile e dannosa»

I commercialisti italiani non ci stanno. E tengono altissima l’attenzione su un problema attuale che rischia di trascinarsi per anni trasformandosi in lunghissimi contenziosi con l’amministrazione centrale. Invece, basterebbe un pizzico di lungimiranza e di visione strategica per venire incontro alle esigenze di una categoria professionale che da sempre è cerniera di congiunzione tra cittadini, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: