Palazzo di Città colorato di rosso ADISCO

La facciata del Palazzo di Città di Bisceglie da venerdì 20 novembre è colorata di rosso Adisco. L’iniziativa, fortemente voluta dalla presidente della sezione territoriale, dott.ssa Lella Di Reda, anche Consigliera del direttivo nazionale, è stata accolta con entusiasmo dall’Amministrazione comunale e dal Sindaco, dott. Angelantonio Angarano, attento alle realtà associative cittadine, per la sensibilizzazione sui temi portati avanti da Adisco.

 

Il presidente Di Reda ha spiegato: «Trovo che l’iniziativa sia significativa nel messaggio di amore che vuole trasmettere a chi osserva! In questo particolare momento, Adisco vuole comunicare amore e speranza per superare presto la pandemia e mettere fine alla sofferenza di troppi. Voglio ringraziare il Sindaco che ci ha concesso di costituire questa installazione. Poi, a testimonianza della stima nei confronti di Adisco per il lavoro che svolge, ringrazio la ditta S.A.M.Mi service di Mimmo Palmiotti per il lavoro compiuto e l’arch. Pierpaolo Sinigaglia per la collaborazione prestata».

 

Tale illuminazione si protrarrà fino al 30 novembre per celebrare la Giornata Nazionale Adisco e per continuare a trasmettere il suo messaggio di solidarietà. Infatti, vista l’attuale situazione di pandemia da Covid-19, non potendo promuovere a livello nazionale la predisposizione di banchetti per l’offerta dei ciclamini, individuato come fiore simbolo di questa giornata, Adisco sez. Bisceglie ha provveduto a colorare di rosso il Comune quale simbolo della donazione del sangue cordonale.

 

La Giornata Nazionale Adisco indetta il 15 novembre di ogni anno, è alla sua terza edizione, ed è un evento nazionale dedicato alla promozione della donazione del sangue cordonale ricco di cellule staminali emopoietiche e prende avvio in occasione del World Cord Blood Day.
È stata scelta tale data poiché il 15 novembre del 1988 è stato effettuato il primo trapianto con le cellule staminali cordonali. Si tratta del caso del paziente Matthew Farrow affetto da Anemia di Fanconi. All’età di 5 anni è stato curato grazie al sangue cordonale prelevato alla nascita dalla sorella che dalla diagnosi prenatale è risultata non affetta dalla malattia. Il paziente è completamente guarito e gode tuttora di ottima salute ed è tra i principali promotori e sostenitori a livello mondiale del dono del cordone ombelicale.

 

Dal 1988 a oggi sono 35 mila i trapianti effettuati nel mondo che hanno visto l’utilizzo delle cellule staminali cordonali per trattare oltre 80 malattie, tra cui leucemie, anemie, talassemia e linfomi. Sangue cordonale – attuali applicazioni.

 

Inoltre, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono contenute nel sangue periferico e nel midollo osseo e che sono capaci di generare le cellule del sangue (globuli rossi, globuli bianchi e piastrine). Il sangue cordonale può essere utilizzato, come il midollo osseo e le cellule staminali del sangue periferico, per effettuare il trapianto in pazienti affetti da molte malattie ematologiche (leucemie, linfomi) e da malattie genetiche quali ad esempio l’anemia mediterranea o Morbo di Cooley. Il SCO raccolto al momento del parto viene conservato presso una Banca pubblica, che ha come suo obiettivo prioritario conservare le unità che sono donate e che rispondono a precisi requisiti di qualità, per renderle disponibili per il trapianto di pazienti italiani e stranieri, che con questa preziosa risorsa potrebbero essere sottoposti ad un trattamento terapeutico che dia loro una reale possibilità di guarigione.

 

FRANCESCO SINIGAGLIA

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Dalle estorsioni al caporalato, anche la Bat nella geografia criminale disegnata dall’Antimafia pugliese

Sacra Corona Unita, compagini baresi e mafie foggiane. Questo il quadro attuale della “geografia criminale pugliese” articolata in “tre macro-configurazioni criminali” e analizzata nella relazione sulla ‘Diffusione delle varie forme di criminalità organizzata nella Regione Puglia’, approvata dalla Commissione parlamentare Antimafia sul finire della scorsa legislatura e ora resa pubblica. La Sacra Corona Unita è […]

Shoah, Silvestris organizza un momento di commemorazione: “Per non dimenticare”

Stasera giovedì 26 gennaio alle ore 19 in via della Giudecca (alle spalle della Chiesa di San Domenico,nel centro storico) terremo un momento di commemorazione e riflessione sull’olocausto, nella vigilia del giorno della memoria. «Ricorderemo l’orrore della Shoah, la presenza ebraica a Bisceglie e le vicende accadute nella nostra città a seguito delle leggi razziali. […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: