Assolocali, Ferrante e Galantino: «Attiveremo tutte le azioni necessarie a salvaguardare i pubblici esercizi»

In riferimento alle nuove restrizioni per prevenzioni Covid interviene Assolocali per esprimere le proprie preoccupazioni e i timori. Il presidente Donato Ferrante: “stiamo valutando tutte le azioni da intraprendere in favore delle categorie dei pubblici esercizi (bar, ristoranti, pizzerie e pub); Siamo allo stremo sotto il profilo economico, ormai vessati da quasi un anno di chiusure alternate da brevi periodi di apertura e soprattutto sotto il profilo umano, disillusi dalle istituzioni che ci hanno lasciati a noi stessi, ecco perché in questo momento diventa fondamentale l’associazione con il suo lavoro. Il tutto dovrà necessariamente partire da un incontro interlocutorio con il Sindaco della città, al quale presenteremo il nuovo organigramma associativo e alcune proposte concrete; ad esempio una rimodulazione della quota fissa e variabile TARI per renderla meno gravosa. Abbiamo già richiesto un appuntamento e attendiamo riscontro. Inoltre invitiamo tutti i proprietari dei locali, in cui vengono portate avanti le attività commerciali ad avere memoria di chi ha sempre tenuto comportamenti esemplari come locatari, ad essere comprensivi della situazione di grave disagio, in cui vive tutto il comparto della ristorazione, e a provvedere ad una rinegoziazione dei canoni, al fine di favorire la continuazione delle attività. D’altronde un’eventuale chiusura dei locali porterebbe sicuramente meno entrate per i titolari degli immobili”.

L’Avv. Dario Galantino, socio onorario e legale di fiducia dell’associazione: “è un momento di grandissima difficoltà per i gestori del settore ristorazione, che si aggiunge ad un 2020 sciagurato per la salute e per l’economia. Le chiusure a singhiozzo, oltre che bloccare le attività di somministrazione alimentare, hanno rallentato anche l’indotto dei grossisti e delle materie prime. E’ necessario, per andare avanti, ridurre notevolmente i costi. Ci aspettiamo provvedimenti concreti da parte del Comune sul taglio netto dei tributi locali. Ci attendiamo, inoltre, grande senso di responsabilità e vicinanza da parte dei proprietari dei locali; in alternativa verranno attivate tutte le procedure, anche in via giudiziale, idonee a ridurre i canoni di locazione”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Storie di discriminazione e di omotransfobia, le racconta Antonia Monopoli

Nella Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia celebratasi ieri, si sono narrate storie di ordinaria discriminazione. Come quella che ha subito in numerose circostanze Antonia Monopoli, biscegliese residente a Milano, attivista, scrittrice e responsabile dello sportello trans di Ala Milano Onlus. «La storia di Antonia parte da Bisceglie, in Puglia, dove lei è […]

Ponte Lama, c’è la convenzione tra Mit e Regione Puglia per i lavori di messa in sicurezza

La Giunta regionale pugliese ha approvato lo schema di convenzione tra Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e Regione Puglia riguardante la “Messa in sicurezza del ponte su Lama Paterna nel comune di Bisceglie”, per un finanziamento di 5 milioni di euro e che vede come soggetto attuatore il Comune di Bisceglie. Il progetto […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: