Urge ribellione pacifica degli studenti in una Bat dai primati delinquenziali e mafiosi

Cari studenti, svegliatevi dal letargo in cui siete stati costretti finora a vivere, ai “domiciliari”, quagliando ben poco di quel che avreste dovuto imparare in questo triste anno scolastico che volge al termine. Abbiate almeno Voi il coraggio di dare una svolta a questa scuola ridotta a brandelli. Con un ministro che non sa né di carne né di pesce.

Confrontatevi anche con i vostri coetanei stranieri. Avete il tempo ed il diritto di scendere in piazza per gridare dei maltrattamenti subiti quotidianamente da un sistema didattico inefficiente addirittura giustificato, attenti alla grattata di naso o ad un labiale frainteso piuttosto che aiutarli a crescere. Frustrazioni diffuse che si sono riverberate come pura violenza verso i ragazzi disorientati. Con quale coraggio gli egregi docenti assegneranno voti e diplomi? Per non parlare poi dell’Università laddove, facendosi scudo del pc, si continuano a commettere nefandezze da tribunale, giudizi che non tengono conto delle macerie che ci sono intorno.

Lasciate perdere per un momento Ferragni & C. sui display. È emersa l’inutilità di alcune materie, che andrebbero riconvertite per aprire un futuro lavorativo ai giovani. Condizioni che adesso sono peggiorate. C’è da rimanere sconvolti e preoccupati dalla realtà che si vive nella Bat, descritta con dati alla mano dal Procuratore capo della Repubblica di Trani quanto a primati delinquenziali e mafiosi di ogni genere. Che fare? Stare a guardare? L’anno scolastico si può fermare qui. La piazza è deserta. Riempiamola di contenuti, di riforme vere per far decollare una scuola più moderna, più giusta. Altrimenti non Vi resta, per stare in tema, che l’Inferno di Dante.

Luca De Ceglia

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Una storia di disagio nell’indifferenza generale. Dove sono i servizi sociali?

Voglio narrarvi un fatto di cronaca che si sta consumando a Bisceglie sotto gli occhi di tanti omertosi i quali si nascondono sotto la scusa: “non sono fatti miei … loro sono grandi e vaccinati … chi si intriga resta intrigato …” ed altre scuse similari. Forze dell’ordine e Servizi Sociali sono assenti per motivi […]

Cedono marciapiede e cordoli, il Comune ordina all’impresa edile di intervenire a proprie spese

Il Dirigente della Ripartizione Tecnica del Comune di Bisceglie ha ordinato all’amministratore Unico della ditta “Gedil s.r.l.”, di provvedere a propria cura e spese, entro 20 giorni dalla notifica della stessa ordinanza, al ripristino a regola d’arte della superficie del tratto stradale di via Vittorio Veneto fronte civico 106 interessata dal cedimento del manto bituminoso […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: