Gli assessori: «La piscina comunale? E’ stato Spina a ridurla in quelle condizioni»

“Ancora una volta il consigliere Spina, in perenne campagna elettorale, mistifica la realtà con incredibile faccia tosta. La piscina comunale, infatti, è solo uno dei tanti esempi in cui ha creato veri e propri disastri amministrativi. Chi ha memoria storica non avrà difficoltà a ricordare che fu proprio sotto la sua amministrazione che la piscina fu affidata agli attuali gestori per ben 34 anni. A partire dalla data di avvio della gestione (2011) sono risaputi i mancati versamenti del canone da parte del gestore, problema che si trascina da un decennio con ripercussioni sull’ente. Chi ha memoria storica, inoltre, ben ricorderà i tanti disagi sollevati dagli utenti nel corso degli anni e dovuti a carenze strutturali e difetti di gestione e manutenzione.

Lo stesso Spina, già nel 2016, sottolineava che la struttura dovesse essere gestita con maggiore attenzione e cura, salvo poi (anche su questo versante) non fare nulla, come sempre. Ora il consigliere di opposizione ha scoperto che la piscina ha subito danni e incolpa l’Amministrazione Comunale ma dimentica che quella struttura è stata affidata in concessione ultratrentennale dalla sua amministrazione. Ciò significa che i gestori hanno ovviamente l’obbligo di occuparsi anche della custodia dell’immobile. Prima dei selfie propagandistici di Spina, che oggi si erge e paladino dell’interesse pubblico pur essendo responsabile del disastro della piscina, nel mero tentativo di rifarsi una verginità politica, la nostra Amministrazione, constatati i danni, ad inizio giugno ha immediatamente formulato una diffida ad effettuare tutte le lavorazioni necessarie al ripristino completo della fruibilità della struttura nei confronti del gestore. Sempre il mese scorso, inoltre, un intervento della Polizia Locale sventò persino il furto di attrezzature. La nostra Amministrazione, peraltro, è al lavoro per il recupero dei canoni concessori mai corrisposti. E andremo fino in fondo per capire se ci sono eventuali responsabilità. Fatti, come sempre. Al contrario dell’inerzia totale di chi ci ha preceduto e ora racconta bugie che hanno il sapore di insulti all’intelligenza dei cittadini”.

Nota a firma degli Assessori Angelo Consiglio, Gianni Naglieri, Natale Parisi, Maria Lorusso, Loredana Bianco, Domenico Storelli e Roberta Rigante.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Tariffe Tari, Spina: «Per la attività produttive la stangata dal Sindaco Angarano»

«Ancora una volta registriamo un aumento impressionante (dopo la stangata dell’aumento del 110 per cento dei passi carrabili e del 20 per cento delle circolari) dei costi dei rifiuti e, soprattutto, una gestione non trasparente degli stessi, tanto che il PEF 2020 è stato per la prima volta bocciato dall’autorità nazionale (ARERA) con pericolose ripercussioni […]

Festa Patronale, Sindaco Angarano: «Alle bancarelle e alle giostre con il green pass e senza assembramento»

Ieri è stata una giornata decisiva per garantire lo svolgimento della festa patronale in sicurezza e rispettando le stringenti norme fissate dal Decreto-legge 105/2021 che entrerà in vigore dal 6 agosto, proprio alla vigilia dei festeggiamenti in onore dei santi patroni. Come concordato nel corso di una riunione con le Forze dell’ordine coordinata dal Prefetto […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: