Droga dall’Albania alla Puglia e corruzione, 38 arresti

Per i reati di traffico internazionale di droga, corruzione, abuso d’ufficio e riciclaggio le autorità albanesi e la Direzione investigativa antimafia italiana stanno eseguendo 38 misure cautelari in Albania, Italia, Montenegro e Spagna. Sono in corso di esecuzione anche decreti di sequestro patrimoniali relativamente a beni mobili e immobili, per un valore di alcuni milioni di euro.

Nel corso delle indagini, che costituiscono lo sviluppo investigativo delle operazioni Shefi e Kulmi eseguite dalla Dia di Bari nel 2018 e nel 2020 sul narcotraffico dall’Albania alla Puglia, sono stati ricostruiti, anche grazie dichiarazioni di quattro collaboratori di giustizia, fenomeni di corruzione, abuso d’ufficio e riciclaggio e l’intera “filiera” dello stupefacente: dalla coltivazione alla produzione, alla raccolta, allo stoccaggio e alla spedizione verso le coste pugliesi a bordo di potentissimi gommoni oceanici.

L’ordinanza a firma del giudice del Tribunale Speciale di Primo Grado Anticorruzione e Criminalità Organizzata di Tirana, è stata emessa su disposizione della Procura Speciale Anticorruzione e Criminalità Organizzata di Tirana e della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, con il coordinamento di Eurojust (L’Aja). Gli arresti sono in corso di esecuzione con l’ausilio internazionale dell’Ufficio di Collegamento Interforze di Tirana e della Polizia Albanese, nell’ambito di una Squadra Investigativa Comune. Maggiori dettagli sull’operazione saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà online alle 10.30, a cui parteciperanno il procuratore nazionale Antimafia Federico Cafiero De Raho, il procuratore Speciale Anticorruzione e Criminalità Organizzata di Tirana, Arben Kraja, Filippo Spiezia di Eurojust, il procuratore facente funzione di Bari Roberto Rossi e Giuseppe Gatti della Direzione nazionale antimafia, oltre al direttore della Dia Maurizio Vallone e il direttore della Polizia albanese Ardi Veliu.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Il “relitto di un bagno chimico” abbandonato per la strada

Spazzatour2022, le denunce attraverso i  servizi fotografici dell’associazione ambientalista biscegliese “Pro Natura”, dimostrano una sola cosa: che la tutela dell’ambiente a Bisceglie è inesistente. «Un nuovo rifiuto “molto ingombrante” -scrive il sodalizio guidato a Mauro Sasso- abbandonato ai margini della strada: il relitto di un bagno chimico. Con solo. Le foto mostrano pezzi di paraurti, […]

Radio Centro, querelle tra assessore Naglieri e Di Gregorio: Bisceglie è allo sbando, ne prenda atto e non minacci

Una recente trasmissione “Ricomincio da me” in onda su Radio Centro e condotta da Alessandro Di Gregorio, ha fatto registrare minacce di querele da parte dell’assessore della Giunta de “La Svolta”, Gianni Naglieri”, all’indirizzo dell’emittente radiofonica e del suo conduttore. Che, questa mattina, non le ha mandate a dire e -in diretta, via etere- ha […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: