Spi e Fp Cgil Bat su contagi in Rssa: “Appello alla Asl, tenere alta la guardia”

Apprendiamo dalla stampa locale del contagio che ha interessato una Rssa di Canosa di Puglia e del ritorno del Vittorio Emanuele II di Bisceglie a Covid Hospital e questo non può che preoccuparci perché riteniamo che siano segnali di un aggravarsi della situazione di emergenza coronavirus”. Lo dichiarano Felice Pelagio, segretario generale Spi Cgil Bat e Ileana Remini, segretaria generale della Fp Cgil Bat rivolgendo un appello ai vertici della Asl Bat al fine di “tenere alta la guardia per affrontare con tempestività e limitare l’avanzata dei contagi da Covid nelle Strutture residenziali socio-sanitarie del territorio e garantire anche il lavoro in sicurezza ad operatori ed utenti delle strutture ospedaliere della Bat, a partire dall’ospedale Covid di Bisceglie”.

I dati dei contagi nel nostro territorio rivelano un andamento altalenante, soprattutto negli ultimi giorni e per questo è necessario tenere alta la guardia e ristabilire con fermezza tutti i protocolli di sicurezza nelle strutture sociosanitarie, al fine di tutelare al meglio gli ospiti e i lavoratori. Con il ricovero a Bisceglie di un gruppo di anziani della Rssa di Canosa di Puglia, oltre a constatare la grave carenza di personale tra infermieri, operatori socio sanitari e ausiliari e a chiedere di rafforzare gli organici, riteniamo che si debba pensare ad una riapertura delle Unità Operative Covid o post Covid insistenti nel Presidio post acuzie dell’ospedale di Canosa di Puglia (Ppa) per decongestionare tale situazione”, affermano Pelagio e Remini.

Lo Spi e la Fp si rivolgono ai vertici della Asl Bt con un appello finalizzato “non solo a ricevere opportune e formali informative sulla reale situazione venutasi a creare ma soprattutto quello di adottare, con tutte le risorse necessarie mezzi ed i mezzi a disposizione per la ‘sanità pubblica’, i relativi protocolli e misure di sicurezza rafforzando il personale in servizio e garantendo Livelli essenziali di assistenza in favore della popolazione fragile e anziana. È necessario prevenire episodi che già si sono verificati nel corso della prima e seconda ondata presso le Strutture Residenziali Socio Sanitarie Assistenziale a tutela del lavoro e del servizio erogato”, concludono i segretari generali delle due categorie provinciali.df

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

A Bisceglie arriva il primo nato nel nuovo reparto di Ostetricia

Prima nascita oggi nel reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale “Vittorio Emanuele II” di Bisceglie inaugurato lo scorso 31 gennaio dopo i lavori di riqualificazione. Il piccolo di chiama Nathan ed è nato alle 12:11 di oggi. Pesa poco meno di 3,4 chili ed è lungo 50 centimetri. “Sua mamma Milena sta bene”, fa sapere […]

Restituisce portafogli contenente 580 euro, il Sindaco lo premia

Stamattina il Sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano, con l’Assessore Carla Mazzilli, il Presidente della Commissione Sicurezza Franco Coppolecchia e il Comandante della Polizia Locale, Michele Dell’Olio, ha ricevuto a Palazzo di Città Alessio Todisco, commerciante ambulante che si è distinto per un gran bel gesto. Martedì scorso, nel corso del mercato settimanale nella nuova area […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: