PNRR, Di Leo «Per il verde pubblico è un’occasione da non perdere»

«Il 2022 può esser l’anno di ripartenza per la nostra città, dopo 4 anni di blocco amministrativo generato dal progetto politico denominato “La Svolta”: l’unione delle compagini di sinistra e destra, talvolta estreme, ha indotto la nascita di un percorso privo di ideologie comuni e pieno, al tempo stesso, di ostacoli causati da inadempienze e eccessive divergenze politiche. Bisceglie ha perso molto terreno nei confronti delle città limitrofe, sempre pronte ad attingere risorse dai finanziamenti pubblici per migliorare gli arredi, i servizi e la vivibilità>>. Inizia così Marco Di Leo, ex Consigliere Comunale.

<<Come può ripartire Bisceglie? Di sicuro investendo sul PNRR, attraverso un ufficio di progettazione dedicato, ad oggi assente, e che coinvolga giovani professionisti locali, in possesso di idee, competenze e visioni futuristiche.

Nella sezione “bandi e avvisi” del sito di Italia Domani, quasi ogni giorno vengono pubblicati bandi di finanziamento: il continuo immobilismo dell’amministrazione Angarano mi lascia perplesso. Non a caso, vorrei offrire un mio personale contributo.

Ad oggi, per esempio, è presente un avviso dedicato a parchi e giardini storici: esso è finalizzato alla rigenerazione e riqualificazione di parchi e dei giardini italiani di interesse culturale, al rafforzamento dell’identità dei luoghi, del miglioramento della qualità paesaggistica, della qualità della vita e del benessere psicofisico dei cittadini e alla creazione di nuovi poli e modalità di fruizione culturale e turistica (PNRR M1C3 INVESTIMENTO 2.3).

Nella nostra città ci sono ben due parchi che potrebbero godere di tale attenzione per importanza, varietà delle specie vegetali presenti e potenzialità: mi sto riferendo al Giardino Botanico Veneziani e ad Orto Schinosa.

Sarebbe opportuno riuscire a coinvolgere la popolazione e, soprattutto, le associazioni di categoria, creando una vera e propria cabina di regia per lo sviluppo degli eventuali progetti di riqualificazione. Non ho intenzione di intervenire sull’indirizzo politico, compito esclusivo di chi amministra: tuttavia, auspico che questa volta l’amministrazione voglia quantomeno accogliere la nostra proposta. Ad oggi tutti i nostri suggerimenti sono rimasti inascoltati: molti concittadini attendono, ormai da anni, quelle risposte che una sana amministrazione politica dovrebbe garantire alla collettività e non solo, costantemente, ad una parte di quest’ultima». Scrive Di Leo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Spina: «Angarano ha distrutto il mio “SistemaGaribaldi” e Carlo Bruni»

«Carlo non ha sbagliato, ha solo pensato che quelli della “SVOLTA” fossero come il precedente sindaco Spina, che inventò il sistema Garibaldi con lui, non gli chiese assunzioni e lo lasciò libero di creare cultura. Si è fidato delle persone che dicevano di volere lo sviluppo culturale della città, dichiaravano di sostenere il sistema Garibaldi, […]

Il podcast “Buon vento, Bisceglie!” di Libera il futuro. Primo episodio: “La città del teatro e della musica”

Il Movimento Libera il futuro commenta quel che succede in città, cogliendo l’occasione per riproporre “Idee semplici e proposte concrete”, alcune delle quali già presenti nel manifesto programmatico #primaleidee (link: https://www.liberailfuturo-bisceglie.it/prima-le-idee/). Lo fa con il podcast “Buon vento, Bisceglie” offrendo “a chi è stanco delle solite voci che si rinfacciano vecchie responsabilità e nuove mancanze” un […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: