Falso Made in Italy, sequestrati 6 milioni di articoli. Operazione anche nella Bat. 7 denunciati

Oltre 6 milioni di articoli per la casa riportanti falsamente l’etichettatura “Made in Italy”, perché in realtà prodotti ed importati dalla Cina, dal Pakistan e dalla Turchia, sono stati sequestrati in tutta Italia dalla Guardia di Finanza di Torino.

L’operazione ha avuto inizio nei mesi scorsi quando i finanzieri hanno notato, esposti sugli scaffali di alcuni negozi, articoli per la casa reclamizzati come prodotti di origine italiana. Gli elementi acquisiti hanno indotto a ritenere che ci si trovasse di fronte ad una ingente frode commerciale e, pertanto, si è proceduto a ricostruirne l’intera filiera distributiva attraverso l’esame analitico dei flussi degli approvvigionamenti e le relative procedure doganali. Le fiamme gialle hanno così individuato cinque depositi, localizzati nella città di Torino e in alcuni comuni delle province di Napoli, BAT, Macerata e Mantova ove i finanzieri, hanno rinvenuto una considerevole quantità di oggetti per uso casalingo pronti per essere commercializzati come articoli recanti il sigillo nazionale.

L’illecito modus operandi prevedeva che la merce importata dalla Repubblica popolare cinese ovvero dal Pakistan o dalla Turchia venisse presentata in dogana in imballi primari privi di indicazioni riconducibili ad una origine domestica mentre, al loro interno, sono risultati apposti simboli tipici dell’italianità idonei ad ingannare il cliente finale. Tutti i prodotti, che se immessi sul mercato avrebbero potuto fruttare circa 10 milioni di euro, sono stati sequestrati, mentre sette imprenditori sono stati denunciati per frode in commercio e vendita di prodotti industriali con segni mendaci.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pericolo sanitario in città? Acqua gialla dalla fontana pubblica di via Pio X

Come si evince dalla visione di questo video (Facebook), che gira sui social da alcune ore, l’acqua che esce dalla fontana pubblica situata in via Pio X, nelle vicinanze del Bar Mignon, ha un colore giallastro. Si consiglia la cittadinanza di evitare di fermarsi a bere e/o riempiere bottiglie da quella fontana. Mentre chiediamo al […]

Lottizzazione maglia 165, rigettato dal Tar il ricorso dell’Associazione Pro Natura

Relativamente al ricorso al Tar sulla realizzazione della nuova maglia 165 da parte del Comune di Bisceglie, presentato dall’Associazione Area Protetta Aps, è stata rigettata la richiesta di annullamento della delibera di Giunta del 31 agosto del 2020 avente, appunto, per oggetto l’«approvazione definitiva del piano di lottizzazione della maglia 165 del Piano Regolatore Generale […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: