Cimitero, ass. Parisi: «Stragrande maggioranza delle tariffe cimiteriali sono state riconfermate»

“La stragrande maggioranza delle tariffe per i servizi cimiteriali sono state confermate. È il caso del costo della concessione dei loculi. Sono state altresì confermate tutte le tariffe e i canoni del servizio inerente le lampade votive. Si eviti pertanto di fare campagna elettorale anche su argomenti così sensibili. Le tariffe nuove che sono state introdotte prevedono agevolazioni per determinati casi e sono inferiori rispetto a quelle delle città limitrofe, ove già venivano applicate a differenza di quanto accadeva nella nostra Città. Spesso alcune di queste tariffe, come quelle dovute per la tumulazione, l’estumulazione e la traslazione delle salme, già esistevano ma venivano incassate dalla cooperativa concessionaria autorizzata. Con il provvedimento approvato in consiglio comunale si mette finalmente ordine.

Le tariffe approvate, inoltre, sono prodromiche all’indizione della nuova gara per la gestione dei servizi cimiteriali. Con questo provvedimento si va semplicemente a cristallizzare ed attualizzare i servizi cimiteriali senza andare a penalizzare nessuno ma garantendo uguaglianza per tutti”. Lo dichiara Natale Parisi, Assessore ai servizi cimiteriali della Città di Bisceglie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

L’assessore Naglieri giustifica il mancato riconoscimento del premio “Comuni ricicloni” della Legambiente

“Per l’edizione 2022 del premio Comuni Ricicloni di Legambiente, diversamente dagli anni passati, i parametri considerati sono stati il superamento della percentuale di raccolta differenziata del 65% e la produzione pro-capite di rifiuto secco avviato a smaltimento (massimo 75 kg all’anno per ogni abitante). Ciò ha determinato che l’importante riconoscimento sia passato da 113 comuni […]

Risposta Green Link parla chiaro: 30mila euro per pulire le strade durante “Libri nel Borgo Antico” e “Calici nel Borgo Antico”

«La risposta di green link è precisa. Quindi i 30 mila euro stanziati in aggiunta al canone per il centro storico sono serviti per pagare il periodo di Libri nel Borgo Antico e quello di Calici nel Borgo Antico. Il resto dell’anno il centro storico può rimanere una pattumiera? Non diamo completamente la colpa ai […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: