Agis: giù la maschera non solo per il pubblico in sala ma anche per le istituzioni pubbliche

Da oggi 16 giugno decade l’obbligo delle mascherine nei cinema e teatri al chiuso. Viene, pertanto, meno una disposizione che ha indubbiamente penalizzato la fruizione del pubblico nei luoghi di spettacolo dal vivo e nelle sale cinematografiche.

“Dal 4 marzo  2020 sono passati 834 giorni tra chiusure e restrizioni. Il pubblico dei cinema e dei teatri ha atteso questo momento e noi imprese culturali non abbiamo mollato. Da oggi è finalmente possibile assistere a spettacoli di cinema, prosa, musica e danza senza più indossare la mascherina. Un nuovo inizio per i luoghi di spettacolo, almeno si spera”

Sono queste le parole del Presidente dell’Agis e dell’Anec Puglia e Basilicata Giulio Dilonardo essendo finalmente da oggi decaduto tale obbligo per gli spettatori in sala. Continua Dilonardo “Ora è il momento di investire da parte di tutti per favorire il ritorno in sala, non solo da parte del pubblico e delle imprese di spettacolo. L’auspicio è che questo appello sia raccolto soprattutto dalle istituzioni pubbliche, in particolare dalle Regioni Puglia e Basilicata e dai Comuni, affinchè  passino dalle intenzioni ai fatti procedendo con interventi seri di sostegno alle imprese di spettacolo che gestiscono i cinema e i teatri pugliesi e lucani prima che sia troppo tardi. In particolare quel che serve per le sale cinematografiche è un sostegno alle attività attraverso progettualità concrete, cosi come ci si aspetta che avvenga anche per lo spettacolo dal vivo e viggiante”.

Conclude Dilonardo “Oltre 20 schermi  chiusi negli ultimi mesi probabilmente non riapriranno più in Puglia e potrebbe essere solo l’inizio di una nuova epidemia, quella dei cinema e teatri sta volta. Per scongiurare questa debacle serve che anche da parte delle istituzioni locali maturi la consapevolezza che investire nel sostegno al nostro mondo, dove si va avanti più per amore di  mestiere e per tutelare i posti di lavoro che per raggiungere pareggi di bilancio nella migliore delle ipotesi,  significa investire in presidi sociali essenziali per la vitalità delle nostre comunità urbane. Bisogna che i Presidenti di Regione Emiliano e Bardi ed i Sindaci dei comuni pugliesi e lucani cambino approccio nei nostri confronti sostenendo la nostra permanenza e vitalità ora che non è più in piedi l’alibi della mascherina come deterrente alla frequentazione dei luoghi di spettacolo”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Legambiente pubblica il dossier Mare Monstrum 2022: Puglia 3^ nella classifica del “mare illegale”

Non si ferma l’assalto al mare e alle coste italiane ma anzi, il quadro della situazione dell’Italia post lockdown si fa ancora più desolante. Abusivismo edilizio, deficit di depurazione e inquinamento, assalto al patrimonio ittico e alla biodiversità. Illeciti penali e amministrativi illustrati nel dossier Mare Monstrum 2022, il rapporto elaborato da Legambiente sulla base dei dati di Forze dell’Ordine e […]

Confesercenti Puglia: POS inopportuna imposizione del Governo

 I pagamenti di qualsiasi importo non eseguiti con carta di credito e bancomat saranno sanzionati. È l’ultimo provvedimento del Governo giudicato ‘inopportuno e iniquo per le imprese più piccole’ spiega Benny Campobasso, presidente Confesercenti Puglia, il quale aggiunge che ‘per le imprese il costo della moneta elettronica – soprattutto sulle transazioni di importo ridotto – è attualmente elevato, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: