Ciocia (Difendiamo Bisceglie): cecità di Angarano, non ha saputo valorizzare i punti di forza della città

«Il progresso implica necessariamente uno studio.
L’evoluzione pretende l’adeguata conoscenza dei propri punti di forza, per poterli sfruttare al meglio.
L’attuale amministrazione comunale non ha minimamente compreso questi concetti.
Visto e considerato che non solo non ha saputo sfruttare i punti di forza di Bisceglie, ma pare, li abbia volutamente ignorati fino a logorare cioè che di bello la nostra città potrebbe offrirci.
Dimenticare la presenza del nostro mare, ed in generale l’importanza che la stagione estiva possa avere sotto tutti i punti di vista per la nostra città, rappresenta il principale elemento di cecità dell’amministrazione Angarano.
Basta fare un piccolissimo paragone per accorgersi della nostra arretratezza.
Basta dare un’occhiata ai programmi estivi delle città limitrofe per accorgesti quanto una giusta preparazione possa dare i suoi frutti.
Allora noi biscegliesi dobbiamo assistere passivamente alla presenza di artisti internazionali sul suolo tranese e su quello molfettese.
Anche Corato, ha saputo offrire numerose possibilità attrattive.
Bisceglie, invece, è rimasta ferma.
È stato presentato un programma in fretta e furia peraltro ad estate già iniziata.
Come se fosse un obbligo, un onere e non una opportunità.
Le nostre attività commerciali, dai BeB ai ristoranti, dai negozi ai Bar devono avere la certezza che per Bisceglie l’estate debba rappresentante un’importante possibilità di guadagno.
Non possiamo più nasconderci, non possiamo più essere secondi.
Bisceglie merita, e deve essere sotto i riflettori.
La nostra città ci offre già tutti gli elementi, toccherà a noi saperli utilizzare al meglio».

E’ quanto si legge in una nota a firma di Pasquale Ciocia, del Movimento Politico “Difendiamo Bisceglie”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Comunità energetiche: “Nella Bat si dimostri di sapere essere classe dirigente”

“Anche la Bat e le sue comunità locali, hanno il dovere di dimostrare di saper essere classe dirigente. Sarebbe opportuno, per esempio, che all’interno delle tecnostrutture di ogni comune del territorio, si possa costituire una sezione apposita che si occupi specificatamente dello sviluppo delle comunità energetiche nei nostri quartieri e nelle aree industriali”. L’idea o […]

Crisi economica, Spina: «Subito un piano di solidarietà per la città»

«Tra uno che dorme e l’altro che, dopo cinque anni di Governo, sogna (o fa finta), chi lavora per il Comune? Angarano e Silvestris non perdano tempo in chiacchiere e in aumenti degli stipendi. Adottino subito un piano di solidarietà per la città, per le famiglie e per i commercianti. Hanno dichiarato di avere milioni […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: