Avvisi Tari, Spina ribadisce: «Senza oggetto e anni di riferimento. I cittadini devono sapere cosa pagare»

«Avvisi Tari senza oggetto e anni di riferimento: colti in flagranza di “furbata”, Angarano-Silvestris reagiscono con le solite offese personali senza fornire risposte ai cittadini.

Tentano di beffare la gente, vengono scoperti, e offendono senza entrare nel merito. Cari Angarano, Silvestris & co, vi siete accorti che con la vostra risposta avete confermato le mie osservazioni fatte in favore dei cittadini? Perché avete fornito solo ora le indicazioni sugli orari, sulle modalità e sulle opportunità di fare i controlli prima di pagare? Perché nella vostra risposta non dite con chiarezza a quali annualità si riferiscano gli avvisi che state inviando a pioggia ai cittadini (5000 avvisi)? Perché non dite che si tratta degli avvisi relativi a presunti inadempimenti tari per gli anni 2016, 2017 e 2018? E se qualcuno ha pagato solo in parte queste somme, magari per una rateizzazione non perfezionatasi per la grave crisi economica della città, è’ giusto e etico che il Comune chieda l’intero facendo pagare due volte le somme già corrisposte a titolo di acconto?

Non avrebbe dovuto il Comune chiedere solo il saldo e non l’intero? Trucchetti da furbetti, ma noi non ci facciamo intimidire dalle solite offese gratuite e insistiamo perché i cittadini vengano trattati con dignità e non da sudditi! Attendiamo dalla vostra diretta voce di conoscere a quali annualità si riferiscano gli avvisi di pagamento a cui tanto tenete per fare cassa. I cittadini hanno diritto di sapere per iscritto, negli avvisi, cosa devono pagare. Non è una concessione ma un obbligo di legge spiegare e motivare».

E’ quanto scrive il consigliere comunale Francesco Spina in una nota.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Area Mercatale, Spina: «Angarano senza educazione istituzionale, intervenga immediatamente con collaudi e autorizzazioni» (IL VIDEO)

«Angarano ritrovi educazione istituzionale e risponda ai cittadini e alle opposizioni nel merito dei problemi sollevati, non con le offese personali: l’area mercatale va ultimata, collaudata e poi gestita secondo Legge. Gli amministratori de “La Svolta”, Angarano in testa, la finiscano di offendere le persone e coloro che da consiglieri democraticamente fanno il loro dovere […]

Area mercatale, Angarano si rifugia in un attacco a Spina: “Da che pulpito vien la predica”

“Da che pulpito vien la predica. Parla proprio lui che era famoso per inaugurare le opere ancora incomplete, come avvenuto per esempio con la piscina con i muri di cartongesso e senza la bitumazione degli annessi. Purtroppo in pochi sanno che sono state utilizzate senza idonea agibilità strutture come il teatro Mediterraneo, il teatro Garibaldi, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: