Mercoledì l’inaugurazione di Lab 23, quartier generale del candidato sindaco Vittorio Fata

Uno spazio al servizio dei cittadini biscegliesi, un punto d’incontro per scambiare idee e fare proposte, un contenitore per immaginare e disegnare la città del futuro. Mercoledì 16 novembre, alle ore 19, sarà inaugurata la sede di Lab23 – Progetti in Comune, quartier generale del candidato sindaco Vittorio Fata e della coalizione “Davvero Bisceglie” individuato il Largo Caduti Corazzata Roma, nell’ex sede del Banco di Roma a pochi passi da piazza Vittorio Emanuele II.

Lab 23 – Progetti in Comune sarà un riferimento costante durante la campagna elettorale della coalizione e del candidato sindaco. Un luogo in cui si concentreranno le iniziative pubbliche e dal quale partirà l’azione di consolidamento del programma amministrativo.

Vittorio Fata illustrerà proprio mercoledì, nel corso del suo intervento, le linee guida che caratterizzeranno tutta l’attività di “Davvero Bisceglie”. «Parleremo con voi, parleremo di voi» ha sottolineato il candidato sindaco, rivolgendo un caloroso invito alla partecipazione. «Possiamo, vogliamo, dobbiamo occuparci di Bisceglie e dei biscegliesi, cominciando dalle piccole accortezze che incidono sulla vita quotidiana di ciascuno di noi».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

L’assessore Naglieri giustifica il mancato riconoscimento del premio “Comuni ricicloni” della Legambiente

“Per l’edizione 2022 del premio Comuni Ricicloni di Legambiente, diversamente dagli anni passati, i parametri considerati sono stati il superamento della percentuale di raccolta differenziata del 65% e la produzione pro-capite di rifiuto secco avviato a smaltimento (massimo 75 kg all’anno per ogni abitante). Ciò ha determinato che l’importante riconoscimento sia passato da 113 comuni […]

Risposta Green Link parla chiaro: 30mila euro per pulire le strade durante “Libri nel Borgo Antico” e “Calici nel Borgo Antico”

«La risposta di green link è precisa. Quindi i 30 mila euro stanziati in aggiunta al canone per il centro storico sono serviti per pagare il periodo di Libri nel Borgo Antico e quello di Calici nel Borgo Antico. Il resto dell’anno il centro storico può rimanere una pattumiera? Non diamo completamente la colpa ai […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: