App Municipium, “Libera il Futuro”: solo una segnalazione su tre evasa in tre anni

Libera il futuro, attraverso il suo Presidente Vincenzo Arena, ha inoltrato lo scorso settembre una richiesta di accesso civico generalizzato al Comune di Bisceglie per ottenere i dati delle segnalazioni che i cittadini inviano tramite le applicazioni Municipium e Green Link.Abbiamo atteso anche oltre la scadenza (fissata per legge) dei 30 giorni dall’invio dell’istanza (effettuata il 27 agosto), per poter restituire alla città una sintesi, adeguatamente anonimizzata, dei dati ricevuti. Era nostra intenzione verificare l’effettivo funzionamento di questi (potenzialmente utili) strumenti digitali di cittadinanza attiva e avanzare proposte di miglioramento del servizio.Partiamo dall’app Municipium: prima di tutto avevamo chiesto al Comune copia delle circolari interne o degli indirizzi operativi per la presa in carico e la gestione delle segnalazioni. Una richiesta volta a capire se, a valle delle segnalazioni inviate dai cittadini, vi fosse un flusso strutturato di gestione delle stesse da parte degli uffici, nonché un’attività di aggiornamento dello stato di risoluzione e di risposta ai segnalanti. Abbiamo appreso che “non esistono circolari interne o indirizzi operativi in ordine alla gestione delle segnalazioni pervenute tramite l’app“. Insomma: c’è lo strumento digitale, ma non ci si è dotati di alcun assetto organizzativo e di alcun flusso di gestione.E questa mancanza emerge chiaramente anche dal database delle segnalazioni georeferenziate che abbiamo ricevuto. I dati fanno riferimento al periodo agosto 2019-agosto 2022: un triennio pieno per poter fare un bilancio di questa iniziativa di partecipazione digitale.  In tre anni sono giunte circa 1200 segnalazioni. Di queste quasi il 70% risultano ancora in stato APERTO o IN CARICO. Oltre 800 su 1200! Ed oltre 700 sono le segnalazioni ancora aperte datate 2019, 2020, 2021.A solo titolo di esempio, ne riportiamo alcune significative che risultano in stato APERTO e a cui speriamo si sia data soluzione, auspicando che ci sia solo dimenticati di aggiornare lo stato della segnalazione.

  • il tutto è ancora lì… nonostante le segnalazioni (questa è la Terza)..  le bottiglie, ci chiediamo se a Bisceglie il servizio di Nettezza Urbana sia operativo e qui siamo  di fianco a S. Agostino: quasi in centro città…
  • in via crosta e sul ponte l’erba è talmente alta e folta da restringere la carreggiata a rischio collisione frontale
  • Piazza don Milani è piena di rifiuti e parti del muretto divelto e restano a terra pericoloso per i bambini.
  • La situazione del punteruolo rosso in via Santa Andrea è davvero preoccupante !! Oggi altre palme sono completamente crollate!! Per cortesia fate qualcosa!!
  • stadio Di Liddo, segnalo l’abbandono del terreno sotto le gradinate e dietro la porta sud di abbondante erba alta e secca pericolosa per i ragazzi che giocano e per pericolo di incendio, sembra assurdo non intervenire come prevenzione dei danni eventuali
  • Abbandono rifiuti in Via Nazario Sauro Bisceglie zona porto turistico. È inconcepibile una situazione del genere in zona turistica per non parlare di tutta l’immondizia
  • vorrei segnalare la presenza di siringhe, ad uso stupefacente,  in Carrara San Francesco, intervenite per favore è molto ma molto pericoloso per bambini, adulti animali, sono molte e sembrano usate con all’ interno del sangue.
  • voglio segnalare che in piazza Vittorio Emanuele ci sono dei ragazzi che sparano grossi petardi mettendoli nei cestini dei rifiuti e/o gettandoli verso le persone che passeggiano.
  • in una traversa di corso Umberto, ogni giorno si verificano episodi di spaccio di droga. Firmato cittadini stanchi dell’illegalità.
Riportiamo di seguito una sintesi tabellare dei dati raccolti e che abbiamo aggregato per “settore” di riferimento. Quasi tutti i settori individuati hanno una percentuale di segnalazioni in stato aperto fra l’83% e il 96%.

Settore Segnalazioni aperte o in carico Segnalazioni chiuse o archiviate Totale Perentuale di segnalazioni ancora aperte
Sicurezza e pubblica incolumità 24 1 25 96%
Arredo urbano e beni comuni 101 9 110 92%
Informazioni di servizio e varie 16 1 17 94%
Mobilità, viabilità e illuminazione 375 16 391 96%
Rifiuti, igiene urbana, salute pubblica 285 362 647 44%
Verde pubblico 5 1 6 83%
TOTALI 806 390 1196 67%

Abbiamo predisposto, con i dati ricevuti, una mappa delle segnalazioni. La mappa è disponibile a questo link https://www.google.com/maps/d/u/1/edit?mid=1b53FXGWYp8nCiZSlw8l4m65DWg2mBvU&usp=sharingUn’iniziativa tecnicamente banale, ma che suggeriamo all’Amministrazione di strutturare in modo analogo per rendere trasparente il flusso di gestione delle segnalazioni, oltre che per gestire operativamente le stesse in tempo reale.Non bisogna inventarsi nulla. Certo sarebbe utile copiare da chi fa meglio di noi da anni come il Comune di Bari. Il sindaco Antonio Decaro, che i nostri amministratori hanno platealmente incensato durante la sua visita in città in questi giorni, da anni ha messo online i dati dell’app BaRisolve e ha preteso che venissero resi disponibili in tempo reale i dati delle segnalazioni, il loro stato di risoluzione e la sintesi degli interventi effettuati. A questo link la pagina web da cui prendere spunto https://www.comune.bari.it/barisolve#/map/tutteVeniamo, quindi, alle segnalazioni che giungono dai cittadini tramite l’app di Green Link. A riguardo, purtroppo, possiamo dirvi poco in quanto  – nonostante siano trascorsi i termini previsti per legge  – non abbiamo ancora ottenuto i dati in formato tabellare e i documenti di sintesi con cui chiedevamo al Comune di conoscere l’elenco degli interventi effettuati dal gestore del servizio rifiuti dopo le segnalazioni. Il Segretario generale ha provveduto – e lo ringraziamo – a sollecitare la risposta di Green link che, in una prima fase, ha addirittura eccepito di non essere tenuta a fornire quei dati.Ricordiamo al gestore che il decreto legislativo 33/2013 come novellato dal dlgs 97/2016 obbliga alla piena trasparenza amministrativa anche “alle associazioni, alle fondazioni e agli enti di diritto  privato,  anche  privi  di  personalità  giuridica,  con bilancio superiore a cinquecentomila euro,  che  esercitano  funzioni amministrative, attività di produzione di beni e  servizi  a  favore delle amministrazioni pubbliche o di gestione di servizi pubblici”. E Green Link non può fare eccezione.Bene ha fatto il Segretario generale a pretendere questi dati dalla Società, rispondendo che in qualità di committente di un servizio pubblico la stessa deve fornire al Comune l’elenco delle segnalazioni e dei relativi interventi.Un po’ strano – ma in questo caso ci rivolgiamo al RUP del contratto, all’assessore al ramo e al Sindaco – che tali dati non siano già nella disponibilità del Comune e che addirittura debbano essere sollecitati tramite una richiesta di accesso civico generalizzato. Ma questa è un’altra storia… Intanto, attenderemo anche queste informazioni e ne daremo prontamente comunicazione alla città.Speriamo, nel frattempo, di aver svolto fin qui un servizio di trasparenza e siamo disponibili con le competenze che il gruppo di Libera il futuro è in grado di mettere in campo a confrontarci con chi governa per migliorare un servizio che fin qui, dati alla mano, si è dimostrato a dir poco “zoppicante”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

L’assessore Naglieri giustifica il mancato riconoscimento del premio “Comuni ricicloni” della Legambiente

“Per l’edizione 2022 del premio Comuni Ricicloni di Legambiente, diversamente dagli anni passati, i parametri considerati sono stati il superamento della percentuale di raccolta differenziata del 65% e la produzione pro-capite di rifiuto secco avviato a smaltimento (massimo 75 kg all’anno per ogni abitante). Ciò ha determinato che l’importante riconoscimento sia passato da 113 comuni […]

Risposta Green Link parla chiaro: 30mila euro per pulire le strade durante “Libri nel Borgo Antico” e “Calici nel Borgo Antico”

«La risposta di green link è precisa. Quindi i 30 mila euro stanziati in aggiunta al canone per il centro storico sono serviti per pagare il periodo di Libri nel Borgo Antico e quello di Calici nel Borgo Antico. Il resto dell’anno il centro storico può rimanere una pattumiera? Non diamo completamente la colpa ai […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: