Censimento, Bisceglie tra i Comuni coinvolti. Le modalità per partecipare

È in corso da alcuni giorni il Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni in Italia. Continua a leggere

Annunci

Dal Comune di Bisceglie assunzioni per due vigili urbani …a Noicattaro

Il Comune di Noicattaro assumerà a tempo pieno e indeterminato due vigili urbani e lo farà prendendoli da Bisceglie. Continua a leggere

Dirigenti al Comune, Attolico se ne va. Altri incarichi a Sinisi

Alessandro Attolico, dirigente per il Comune di Bisceglie dell’Area Funzionale Autonoma Servizio Legale e Contenzioso e delle Strutture di supporto agli Organi di indirizzo politico, si è dimesso dall’incarico a far data dal 1 settembre.

fonte: studioassociatolabtech.it

Continua a leggere

Ancora un mese di condivisione per Bisceglie e Trani del dirigente dell’Ufficio Tecnico

I Comuni di Bisceglie e Trani continueranno a dividersi il dirigente dell’Ufficio Tecnico. Da Trani è stata infatti prorogata di un mese la convenzione per l’utilizzo condiviso delle prestazioni professionali dell’architetto Giacomo Losapio. Continua a leggere

Incompatibilità, Spina spaventa la maggioranza. Ma potrebbe esserci un ricorso al Tar

Alla fine i consiglieri comunali della maggioranza hanno ceduto alla paura. Il voto sulla eventuale incompatibilità di ogni singolo consigliere neo-eletto ha impegnato le prime tre ore del Consiglio comunale d’esordio dell’amministrazione Angarano. Continua a leggere

Centro Polivalente per Minori, slitta al 17 aprile il termine per le domande di iscrizione

Centro Minori

Il dirigente dell’Ufficio di Piano informa la cittadinanza che con riferimento al servizio di Centro Polivalente per Minori dell’Ambito Territoriale di Trani – Bisceglie, il termine per la presentazione della domanda di accesso al servizio è differito al 17 aprile.

Il Centro Aperto Polivalente per Minori in via Di Vittorio a Bisceglie è una struttura aperta alla partecipazione anche non continuativa di minori e di giovani del territorio ed opera in raccordo con i servizi sociali d’Ambito e con le istituzioni scolastiche, attraverso la progettazione e realizzazione di interventi di socializzazione ed educativo-ricreativi, miranti a promuovere il benessere della comunità e contrastare fenomeni di marginalità e disagio minorile.

Le attività previste sono orientate alla realizzazione di interventi di socializzazione ed educativo-ricreativi, finalizzati a promuovere il benessere della comunità e contrastare fenomeni di marginalità e disagio minorile.
Per accedere al Centro occorre presentare domanda di iscrizione, entro il 17 Aprile 2018, su apposito modulo (farà fede la data apposta dall’Ufficio protocollo del Comune), scaricabile dal sito web dei comuni di Trani e Bisceglie.

Alla domanda di accesso al Centro dovrà essere allegata la seguente documentazione:
– Attestazione ISEE dell’anno in corso di vigenza;
– Copia leggibile di un documento di identità del soggetto richiedente in corso di validità;
– Ogni altro documento che attesti o segnali una eventuale particolare situazione socio- educativa del minore;
Le domande che perverranno nei tempi e nelle modalità stabilite, concorreranno a formare una graduatoria per l’assegnazione dei posti disponibili dell’anno in corso.

Le domande presentate successivamente ai tempi di scadenza previsti, verranno inserite in elenco aggiuntivo, redatto in base alla data di presentazione e potranno essere accolte in caso di esauri
Ogni ulteriore informazione potrà essere richiesta presso:
Comune di Trani – Segretariato Sociale presso l’URP – Palazzo di Città dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 11.30 e il giovedì pomeriggio dalle ore 16.30 alle ore 17.30 oppure tramite mail: ufficiodipiano@comune.trani.bt.it
Comune di Bisceglie – Segretariato Sociale presso il Settore Sociale – Via Prof. M. Terlizzi, 20 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30 e il giovedì pomeriggio dalle ore 15.30 alle ore 10.00 oppure tramite mail: ufficiodipiano@comune.trani.bt.it

Rifiuti, ancora un cambio di gestore in vista? Dal 1 giugno potrebbe subentrare la Sangalli. Preoccupazione dei sindacati

«Una serie di problematiche e interrogativi, che continuano a destare preoccupazione tra tutti i dipendenti del servizio di igiene urbana, dell’azienda Ambiente 2.0». È quanto tengono a rimarcare i sindacati aziendali FP Cgil Bat, Fit Cisl Bat e Fiadel Bari che hanno rappresentanza nella società che gestisce il servizio di igiene urbna a Bisceglie, attraverso una nota inviata alle autorità locali responsabili.

«Già in passato evidenziammo e dichiarammo la perplessità riferita ai cambi di gestione “frequenti” nel comune di Bisceglie, le relative conseguenze per la cittadinanza tutta e per la stabilità lavorativa dei dipendenti.

A tal riscontro si evidenzia, ancora una volta, che “voci attendibili” da più parti, e senza alcuna preventiva giustificazione, parlano di ulteriore cambio “in corsa” del gestore del servizio al nome della Società Sangalli s.r.l., per di più a far data dal 1 giugno 2018. Non avendo i sindacati, come parte sociale attiva, avuto alcuna informativa, ritenendo presumibile tale “notizia/indiscrezione” fino a termine di smentita, da parte dei destinatari alla ricezione della medesima nota, dichiariamo quanto segue:

1 Attivazione di un tavolo tecnico che ufficializzi le disposizioni dell’ente pubblico e le relative motivazioni/urgenza di indirizzo politico/tecnico;

2 Con quale “progetto tecnico operativo” i subentranti intendono espletare il servizio di igiene urbana e complementari;

3 Garanzie, sottoscritte dal committente, azienda subentrante e sindacati, in ordine a:

  • mantenimento dei livelli occupazionali ad oggi garantiti da Ambiente 2.0 ivi inclusi il personale a tempo determinato scaturito da bando pubblico 2017 in possesso anche della Prefettura;
  • garanzie sottoscritte ed avallate anche da committente, azienda subentrante e OO.SS. aziendali che il personale assunto per la commessa di Bisceglie, per ogni livello ed inquadramento ad oggi maturato, siano utilizzati “esclusivamente” nel territorio comunale, per cui la stazione appaltante ne riconosce i livelli economici. 

4 Garanzie, sottoscritte ed avallate dal committente, azienda subentrante e OO.SS. aziendali della corretta retribuzione mensile nei termini contrattuali e oneri riflessi;

5 Garanzie sottoscritte ed avallate dal committente, azienda subentrante e OO.SS. aziendali delle assunzioni per implementazione dei “servizi estivi” per un giusto carico del lavoro stagionale e nelle previsioni progettuali vigenti;

6 Garanzie sottoscritte ed avallate da committente, azienda subentrante e OO.SS. aziendali che non sarà, per alcun motivo, inserito personale se non residente nel Comune di Bisceglie, nè che venga attinto da subappaltatori, nè cooperative di servizio o istituti di altra natura se non sempre locali, per favorire, nel caso, lo stato sociale dei cittadini, lavoratori locali visto che la retribuzione relativa è riconosciuta e riveniente dalla “spesa corrente” e dalla tassazione dei cittadini biscegliesi;

7 Garanzie sottoscritte ed avallate dal committente, azienda subentrante e OO.SS. aziendali su mezzi e attrezzature conformi al servizio da espletare; idonei ambienti di lavoro, ivi compresi uffici, capannoni ed eventuali spazi che siano a norma della sicurezza;

8 Garanzia di ogni altra forma di tutela per tutta la cittadinanza, per quallità del servizio e sue variabili, considerando che dal 1 giugno ricade “piena stagione estiva“. Superfluo ricordare soprattutto al sig. Sindaco e a tutti gli assessori della giunta municipale la particolarità e la peculiarità del territorio biscegliese centro della “Movida” del Nord Barese».

«È auspicabile -concludono i sindacati- per le motivazioni elencate, rivedere e considerare la data del 1 giugno 2018 come ad alta criticità. Con senso di responsabilità invitiamo i succitati destinatari ad una serie di riflessioni. Con la presente, avendone ricercato le motivazioni, per eventuale “revisione” delle operazioni di subentro, riteniamo e con noi ogni dipendente per inquadramento e mansione, sollevati da ogni responsabilità potenzialmente elevabile al servizio e/o ad altre attività riferite».

 

 

 

 

 

Spina parla alla conferenza stampa di Napoletano: «Con noi 22 anni di straordinari successi. Su Fata la coalizione non c’è»

Alla conferenza stampa di presentazione del candidato sindaco Franco Napoletano ha preso la parola un po’ a sorpresa l’ex sindaco Francesco Spina, già candidato alle elezioni politiche per il Partito Democratico.

«Devo spiegare le ragioni della mia presenza dopo aver ascoltato quello che Napoletano ha proposto alla città e spiegare quello che il mio partito vuole proporre per un progetto di governo della città per i prossimi anni. C’è un confronto aperto che si risolverà nelle prossime ore. Si parte da una decisione condivisa nel mio partito che guardava alla necessità di allargare la base elettorale del PD, una decisione sancita all’unanimità. Sarebbe bello che Francesco Boccia venisse nel direttivo di Bisceglie a spiegare le sue ragioni espresse ieri con il suo comunicato,

«Non gioco a perdere -continua Spina- e le scelte coraggiose neglli ultimi anni hanno fatto crescere la città portando tante opere pubbliche e interventi per Bisceglie che vanno migliorati nel prossimo futuro. Chi è stato all’opposizione si presenta diviso in tre, dunque per me la partita è già vinta ed un centrosinistra non può presentarsi spaccato alle elezioni.

Mi sarei aspettato da Boccia un attacco violento ad Angarano. Con tutto il rispetto per l’autorevole opinione dell’on. Boccia, ma non permetterò a nessuno di sovvertire una posizione del partito che lo porti ad essere semplice testimonianza per poi far vincere qualcun altro le elezioni.

Infine respingo speculazioni su Vittorio Fata. Vittorio è una brava persona ed è stata scelta da me per fare il vice sindaco, non sono mai andato a trovarlo e chiedergli qualcosa durante la mia campagna elettorale per le politiche. La logica rimane sempre quella di mirare al governo della città e per questo bisogna vincere le elezioni. Non dico che con Vittorio non si possa vincere, ma devo prendere atto che la coalizione non c’è sulla figura di Vittorio».