Scuola a Pertini, l’uomo che fucilò una donna innocente

Ci sarà qualcuno che mai dedicherà un asilo nido o una scuola alla donna incinta fatta fucilare da Pertini?

Leggiamo da Wikipedia:  «Luisa Ferida, nome d’arte di Luigia Manfrini Farné (Castel San Pietro Terme, 18 marzo 1914 – Milano, 30 aprile 1945), è stata un’attrice italiana. Fu una delle più note e capaci attrici del cinema italiano nel decennio 1935-1945. Aderente al fascismoe alla Repubblica Sociale Italiana, venne fucilata dai partigiani, assieme al marito, l’attore Osvaldo Valenti, perché accusata di collaborazionismo con i nazisti, principalmente per la partecipazione ai crimini di guerra e alle torture della cosiddetta “banda Koch”, accusa della quale era in realtà probabilmente innocente, come fu riconosciuto nel dopoguerra».

A proposito: la donna incinta fatta fucilare da Pertini, è stata poi riconosciuta innocente dallo Stato Italiano e l’Italia ha pagato una pensione come vittima di guerra alla madre della Ferida. Il film tratto da questa vicenda assolutamente vera, ha visto Luca Zingaretti nella parte del compagno della Ferida e nelle sue vesti l’attrice Monica Bellucci.

Quel bambino mai nato e fucilato nel grembo della madre credo abbia diritto almeno a non vedere il suo boia sempre osannato.

 

GIANPAOLO SANTORO

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Poste: da domani in pagamento le pensioni di dicembre comprensive di tredicesime

Poste Italiane comunica che le pensioni del mese di dicembre saranno in pagamento a partire da giovedì 1° in tutti gli uffici postali.   In continuità con quanto fatto finora e con l’obiettivo di evitare assembramenti, il pagamento delle pensioni e delle tredicesime, in contanti, avverrà preferibilmente secondo la seguente turnazione alfabetica che potrà variare […]

Federmoda Confcommercio Bari-Bat: per il settore moda è un momento difficile

Il settore moda sta attraversando un periodo di particolare difficoltà e di forti preoccupazioni per l’aumento dei consumi energetici, delle materie prime e per la contrazione dei consumi che hanno toccato il 12% ad ottobre. Poiché il settore moda rappresenta una componente essenziale per la crescita del Paese e dell’occupazione, il Consiglio di Federazione Moda […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: