Storie di fatiche e di scomparse in un emporio di frutta e verdura a Milano. Il nuovo libro di Malusa Kosgran

Non è un libro di storia locale ma le storie raccontate nel libro di Malusa Kosgran hanno radici (è il caso di dirlo) comuni.

“In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo”, ultimo lavoro letterario dell’autrice biscegliese che in passato ha pubblicato altri libri con il nome corrispondente all’anagrafe Giustina Porcelli, pone nel racconto di mille aneddoti un punto di partenza che è Bisceglie e un punto di approdo che è Milano. Quella Milano che offriva l’opportunità di una vita migliore, un riscatto dalla miseria, una pari dignità con i signori della capitale morale ed economica del Paese.

Personaggi del libro di Malusa come Antonino, Gagà, Bibbillo, hanno creato con il duro lavoro di ortolani, il mito del negozio di frutta e verdura a Milano “che sicuramente appartiene o è appartenuto a biscegliesi”. Un’egemonia economica creatasi sulla base di relazioni autentiche con la grande città ma a costo di enormi sacrifici.
Storie e foto del libro sono attinte a piene mani dai racconti dei familiari dell’autrice ma, afferma sicura Malusa, sono comuni a moltissimi biscegliesi.

Un libro che segue il filo della memoria e inevitabilmente la dimensione del ricordo sfuma e intreccia le storie, le rimescola per assumere contorni trasfigurati.
Lo stesso titolo, spiega l’autrice, è la citazione della radiocronaca di una leggendaria Milano-Sanremo in cui Fausto Coppi sparisce (la scomparsa è il tema centrale del romanzo) in un tunnel dopo aver staccato di una distanza siderale il gruppone degli inseguitori. Non vedendo arrivare nessuno per interminabili minuti, Nicolò Carosio fece trasmettere alla radio “musica da ballo”. Lo stesso guizzo metafisico che faceva narrare nell’ìetere i “quasi gol” al padre di tutti i radiocronisti.

“In attesa degli altri” è anche un’esperienza innovativa da queste parti nella piccola editoria. Il libro non è stato ancora stampato. Sarà fatto al termine di una campagna di crowdpublishing, cioè con la raccolta di prenotazioni d’acquisto che si sta completando attraverso annunci sul web e con presentazioni come quella avvenuta ieri a Palazzo Tupputi.

Una serata condotta da Irene Frisari e con la partecipazione di Antonio Todisco, attore biscegliese che ha letto un intero capitolo del libro, e del maestro di canto Antonio Di Liddo, della Fondazione “Biagio Abbate”.

Per ogni informazione e per l’acquisto del libro si può contattare Malusa Kosgran su Facebook. Questo è il link al suo profilo https://www.facebook.com/kosgran.malusa

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Il giornalista e autore Michele Maino e la maestra di cucina e sommelier Palma D’Onofrio a Bisceglie

La libreria Prendi Luna book & more è felice di ospitare il giornalista e insegnante di tecniche di meditazione, cucina naturale e macrobiotica, Michele Maino che presenterà “La foresta interiore – Viaggio iniziatico tra le piante e gli spiriti dell’Amazzonia” edito da Anima Edizioni. Nato a Milano, laureato in Lingue orientali, giornalista professionista, traduttore, viaggiatore […]

Vecchie Segherie: la libreria di Bisceglie ospita domenica 27 Mario Avagliano e lunedì 28 Annalisa Monfreda

Doppio appuntamento alle Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie dove sono attesi domenica 27 novembre  Mario Avagliano per presentare Il dissenso al fascismo, il Mulino,  e lunedì 28 novembre Annalisa Monfreda per presentare Ho scritto questo libro invece di divorziare, Feltrinelli, (entrambi gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito per informazioni per informazioni 0808091021 e [mailto:info@vecchiesegherie.it)]info@vecchiesegherie.it). Domenica 27 novembre ore 18.30 Mario Avagliano presenta Il dissenso al fascismo, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: