Lino Ricchiuti (P.P.I.) “Ecco cosa accade quando chiude un negozio”

QUALE RUOLO HA UN NEGOZIO? A quanto pare nessuno ha capito fino in fondo quale danno enorme a livello nazionale causa la chiusura di un negozio (spero siate d´accordo e farete girare) Cominciamo dall´inizio.

OCCUPAZIONE : sicuramente un negozio mantiene una famiglia spesso più di una perchè ci lavorano altre persone.

FABBRICHE : una grande catena commerciale non darà mai spazio a piccole realtà produttive che invece trovano ampio spazio nei piccoli negozi, non importa cosa producono non sarebbero in grado di produrre abbastanza merce e ai costi “bassi” imposti dalla catena commerciale.

BANCHE : un negozio significa versamenti quotidiani in contanti, finanziamenti per l´attività.

INDOTTO : una attività ha bisogno di manutenzione molta se è un BAR o RISTORANTE meno se è un negozio di abbigliamento, se hai un condizionatore, frigoriferi, luci, la serranda , impianto elettrico , bilance , affettatrici e tante altre cose queste devono essere sottoposte a manutenzione e quindi vi sono aziende locali che se ne occupano dando lavoro.

IL NEGOZIO CHIUDE 1) Il titolare e gli addetti sono tutti a spasso quindi non pagano più tasse, non avendo più uno stipendio non possono più fare acquisti e altre attività andranno in crisi 2) Fabbriche : ogni prodotto che è presente nel negozio è fabbricato da qualcuno, spesso produttori locali o piccoli quindi niente più acquisti e la fabbrica va in crisi chiude e licenzia ma quella fabbrica per fabbricare acquistava materia prima e anche lei faceva manutenzione quindi se chiudono una serie di piccole imprese molte persone di conseguenza vanno a reddito zero.

BANCHE : niente più contanti niente finanziamenti niente economia locale e quindi che ci faccio con la filiale del paese se vengono si e no 3 persone al giorno a fronte dell 50/60 di prima? Chiudo la filale quindi tutto il personale va a spasso.

IN ULTIMO tutti questi locali sono di qualcuno magari comprati per avere un piccolo reddito extra dall´affitto Oggi se sono chiusi è un capitale morto perduto a valore 0 visto che nessuno li vuole ma devi pagarci sopra le tasse e quindi il proprietario è in un bel guaio da investimento a perdita, come un rubinetto rotto… più tutto quello sopra riportato !

OGNI NEGOZIO E´ UN PICCOLO INGRANAGGIO DELL´ECONOMIA ITALIANA SE LO FERMI ALLA FINE NE PAGHEREMO TUTTI LE CONSEGUENZE …. ecco perchè serve un piano straordinario a tutti i livelli nazionali ma anche comunali che salvaguardi le micro attività. ALTRO CHE BUROCRAZIA, TASSE ED EQUITALIA !! Lino Ricchiuti – Presidente nazionale movimento politico Popolo Partite Iva

Se hai una attività commerciale a posto fisso o ambulante e sei residente a Bisceglie richiedi gratuitamente l’opuscolo “Cara Equitalia.. la storia di Lino Ricchiuti leader del Popolo Partite Iva” al nr 370 355 23 07 .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Scuola: stanziati 10 milioni, libri gratis a studenti Puglia

“Dal prossimo 17 maggio” con “una dotazione finanziaria pari a 10 milioni, permetteremo a migliaia di ragazzi/e a basso reddito di ricevere gratuitamente libri di testo e sussidi didattici per il prossimo anno scolastico, opportunità di notevole rilevanza visto le tante difficoltà economiche derivanti dall’emergenza sanitaria. Il diritto allo studio resta sempre una priorità in […]

Il Cpia Bat diviene sede distaccata dell’Università di Siena per le certificazioni Cisl

Mercoledì 5 maggio 2021, il CPIA BAT, nella Sede Amministrativa di Andria, ha ospitato un incontro di coordinamento della Rete CPIA di Puglia. Presenti, il dirigente tecnico dell’USR Puglia, Stefano Marrone, la funzionaria dell’USR Puglia, prof.ssa Francesca Di Chio e i dirigenti scolastici: Luigi Piliero (CPIA Bari e presidente di Rete), Maria Vittoria Caprioli (CPIA […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: