Mense scolastiche, sopralluogo del sindaco Angarano per verificare il servizio

Il sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano, insieme all’assessore alle politiche scolastiche, Vittoria Sasso, e ai consiglieri comunali Angela di Gregorio e Franco Coppolecchia, ha effettuato un sopralluogo nella scuola dell’infanzia “Sandro Pertini”, in piazza Filippo Hackert, nella zona 167, per verificare il servizio mensa. La delegazione comunale, accompagnata dal dirigente scolastico del secondo Circolo, Giuseppe Tedeschi, ha assistito al servizio di refezione, assaggiando le pietanze, dialogando con le maestre e appurando il gradimento dei bambini.

“Come già successo altre volte nel corso dell’anno, abbiamo constatato di persona la qualità dei menù, che abbiamo trovato soddisfacente. La somministrazione del cibo è avvenuta nel pieno rispetto delle norme igieniche”, ha dichiarato il sindaco Angarano. “L’attenzione alla crescita sana e alla corretta alimentazione dei nostri bambini è massima. Il nostro obiettivo per i prossimi anni è migliorare la qualità del servizio, come richiesto unanimemente dai genitori e dalle commissioni mensa. Visite come quelle di stamattina sono utili anche per trarre utili accorgimenti in questo senso”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Associazione Baywatch: per il 2022 tre corsi da bagnino a ragazzi di famiglie in difficoltà e maggiore impegno per le persone disabili

Archiviato il progetto Spiagge Sicure 2021, l’Associazione Baywatch ha già iniziato a lavorare per il 2022, con una attenzione al sociale sempre maggiore. “I nostri obiettivi sono gli stessi di sempre, solo ogni anno più grandi: garantire la sicurezza dei bagnanti in spiaggia, rendere Bisceglie ancora più bella e attrattiva, consentire a tutti i cittadini, […]

Covid, anche la Asl Bat sospende i dipendenti non vaccinati. A casa 21 lavoratori

L’Asl Barletta-Andria-Trani ha sospeso 21 dipendenti non vaccinati contro il Covid. Il provvedimento prevede la privazione della retribuzione e di qualunque altro compenso o emolumento, fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale o, in mancanza, fino al 31 dicembre. “È un atto dovuto che arriva a conclusione di un lavoro meticoloso fatto dalla commissione aziendale -dice Alessandro Delle […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: