Maglia 165, quando per alcuni riqualificazione vuol dire solo cemento

A Bari qualche giorno fa è stato inaugurato il nuovo lungomare della zona San Girolamo, una porzione del territorio costiero barese che prima di questa opera era una periferia simbolo di marginalità sociale.

Case popolari e palazzoni residenziali si affacciavano sul mare ed oggi invece sono sullo sfondo di una zona ricostruita con una larga passerella pedonale, una vasta area attrezzata a verde con alberi piantumati e muretti, una perfetta pista ciclabile e le barriere frangiflutti a mare (a questo link il video del sindaco Antonio Decaro).

Visto il dibattito sulla lottizzazione della maglia 165 alla ex BiMarmi, a Bisceglie c’è invece chi proprio non ce la fa ad uscire mentalmente dall’equazione “riqualificazione=nuove abitazioni”.

Chi respinge le critiche alla lottizzazione (al di là degli aspetti politici legati a conflitti di interesse e a priorità di intervento manifestate dall’attuale Amministrazione comunale), usa esclusivamente il seguente argomento: «Volete lasciare la zona così com’è con quei capannoni dismessi e quell’area degradata?». La migliore risposta è l’esempio. In questo caso l’esempio si trova a poche decine di chilometri di distanza.

Il piano di lottizzazione sta seguendo il suo iter da tre anni, nessuno ha proposto una seria alternativa di riqualificazione della zona. Quella proposta nel piano di lottizzazione presentato dai proprietari dei terreni e redatto da una squadra di ingegneri non è nemmeno lontanamente paragonabile a quella di Bari. Perchè a Bisceglie prevale l’interesse del privato su quello pubblico, perchè a Bisceglie due giardinetti come quelli previsti nel piano fanno già tanto “verde pubblico”.

Eppure i privati potrebbero trovare adeguato ristoro se quella zona si riqualificasse con un’opera pubblica -adottando tutte le varianti del caso al vecchio Prg- come accaduto a Bari: basta vedere i prezzi dei suoli pagati per gli espropri alla zona 167.

Ci sarà allora un problema di ingordigia a Bisceglie. La priorità è riempirsi le garze, e chi se ne frega dell’ambiente, della vivibilità, di una città migliore da lasciare ai nostri figli. Loro, le vere aree urbane riqualificate, le troveranno altrove.

One thought on “Maglia 165, quando per alcuni riqualificazione vuol dire solo cemento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

FIALS: grave carenza di personale ausiliario, a rischio i servizi

Nonostante i continui e ripetuti allarmi lanciati a più riprese e da tempo dalla Scrivente Segreteria FIALS, la Direzione Generale della Asl BT, a distanza di circa tre Anni non è ancora in grado di procedere all’approvazione del nuovo Business plan (benché ne siano stati proposti diversi dall’amministratore unico della SANITASERVICE ASL BT srl), al […]

Aspettando La Notte dei Sospiro

In questi giorni, per le vie della Città, il profumo di Sospiri è più avvolgente del solito. L’aria è delle più sorprendenti per i post che circolano sui social in questi giorni a marchio Sospiro di Bisceglie, che preannunciano qualcosa di magico. Tutto merito dell’Associazione Pasticcerie Storiche Biscegliesi che sta sfornando una novità assoluta. Al […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: