Omicidio Valente, annullato l’arresto del boss che avrebbe ordinato il delitto

Il Tribunale del Riesame di Bari ha annullato il provvedimento di custodia cautelare nei confronti del boss barese Filippo Capriati, arrestato nei giorni scorsi con l’accusa di aver dato il via libera all’omicidio di Girolamo Valente, avvenuto a Bisceglie a luglio del 2017.

È stata dunque accolta la tesi degli avvocati difensori di Capriati che hanno sostenuto l’assenza di riscontri alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia circa il ruolo del loro assistito nel delitto.

Secondo le indagini coordinate dalla Dda, Capriati avrebbe dato il via libera per il delitto all’esecutore materiale, Paolo De Gennaro, assicurandogli protezione anche in caso di eventuali ritorsioni.

Il delitto sarebbe scaturito da una duplice motivazione: da un lato soddisfare il desiderio di vendetta di De Gennaro per l’uccisione del fratello Matteo, e dall’altro lato, per affermare la propria personalità criminale nel locale traffico di sostanze stupefacenti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Raccolta differenziata, raffica di controlli e sanzioni ai cittadini per “errato conferimento”

  Su 100 chili di rifiuti indifferenziati, ben 50 potrebbero essere recuperati e valorizzati per il loro riciclaggio. È quanto stanno verificando i tecnici di Comune, Green Link e Polizia Locale, attraverso i controlli che vengono eseguiti sul corretto conferimento dei rifiuti a Bisceglie. Una situazione che conferma la convinzione che è proprio dai comportamenti […]

Continuano i furti nelle campagne della Bat e di Bari

“Cresce l’allerta nelle campagne per i furti di piante, prodotti agricoli e mezzi, con gli agricoltori che stanno presidiando i campi per tentare di sventare i raid diurni e notturni”. E’ quanto denuncia Coldiretti Puglia, che in una nota lancia l’allarme per le condizioni di lavoro e di vita nelle aree rurali pugliesi, con la […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: