Ass. antiviolenza SARAH sulla giornata internazionale della violenza sulle donne

Il 25 Novembre è la giornata internazionale della violenza sulle donne ed anche in questo nefasto 2020 la giornata deve essere celebrata.
Purtroppo quest anno l’emergenza sanitaria che stiamo vivendo concentra l’attenzione di tutti, media comprensi, sull’andamento della curva epidemiologica, sul numero dei contagi, sui protocolli da adottare, sulla somministrazione del tanto sperato vaccino quasi altre problematiche fossero magicamente scomparse, ma, ahimè, non è affatto la realtà. Il lockdown prima e l’isolamento adesso, nelle coppie con difficoltà, rendono la convivenza con il proprio partner insostenibile e tra le mura domestiche continuano a consumarsi soprusi e maltrattamenti con l’aggravante che la vittima di violenza, completamente isolata ed allontanata dalla sua seppur scarna vita sociale, si ritrova completamente sola ed impossibilitata ad allontanarsi dal “luogo della violenza”.
Pertanto, non dimentichiamoci del problema concentrandoci solo ed esclusivamente sull’emergenza sanitaria, perchè il problema della violenza sulle donne esiste e ha raggiunto livelli allarmanti. Noi dell’associazione Sarah restiamo al fianco delle donne che hanno bisogno di aiuto.
Avv. Michela Lopolito
Associazione antiviolenza SARAH

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

San Sebastiano, celebrata messa in onore del patrono della Polizia Locale (le foto)

Questa mattina alla Madonna di Passavia è stata celebrata una santa messa, officiata dal Vicario Episcopale Don Franco Lorusso, in onore di San Sebastiano martire, patrono del corpo di Polizia Locale. Alla celebrazione hanno preso parte solo il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano; l’assessore alla Polizia Locale, Angelo Consiglio; il Comandante della Polizia Locale, Michele […]

Flashmob contro Genitore 1 e 2, Pro Vita & Famiglia: “Davanti al Viminale per difendere madre e padre”

“La forma non cambia la sostanza, perché ogni bambino nasce da una mamma e da un papà! Per questo domani, mercoledì 20 gennaio, alle ore 13.00, saremo davanti al ministero dell’Interno per difendere madre e padre dopo la reintroduzione dei termini genitore 1 e genitore 2 sulle carte d’identità dei minori di 14 anni” così Pro […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: