Garante della Puglia: vietare i social ai minori di 14 anni

“Come garante regionale non posso che essere accanto alla famiglia della ragazzina di Palermo, il suo dolore è il dolore di tutti i genitori. Come garante, come genitore e nonno penso che un evento del genere debba spingerci a scendere in campo e pretendere che la rete sia un territorio dove non tutto può accadere e non tutto è lecito. Dobbiamo avere il coraggio di dire che i social non sono posti per i minori di età inferiore ai 14 anni”. E’ quanto dichiara Ludovico Abbaticchio, garante per la Puglia dei diritti dei minori e dell’infanzia che plaude al blocco da parte del “Garante per la protezione dei dati personali degli account del social TikTok, fino al 15 febbraio, per i suoi utenti dall’età non verificata”.

“Dovremmo essere capaci di vietare l’utilizzo di queste piattaforme per i minori di 14 anni che non hanno gli strumenti per poter scegliere e comprendere il rischio – aggiunge -. Non è dettando delle regole di accesso che potremmo fornirgli le chiavi di un controllo e, come dice Alberto Pellai medico e psicoterapeuta, ‘anche iscrivendo un dodicenne alla scuola guida, é molto probabile che non sarà capace di guidare in modo sicuro un’automobile di grande cilindrata’”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid: 1.154 nuovi casi di contagio e 27 morti in Puglia

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano ha reso noto che oggi in Puglia, sono stati registrati 10256 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.154 casi positivi: 420 in provincia di Bari, 85 in provincia di Brindisi, 78 nella provincia Bat, 235 in provincia di Foggia, 99 in provincia di Lecce, 233 in […]

“Inidonei al servizio” e 5mila euro di multa per gli operatori sanitari che si rifiuteranno di sottoporsi al vaccino

In Puglia se gli operatori sanitari non si sottoporranno al vaccino anti-covid, verranno dichiarati inidonei al servizio “e disposta una sanzione pecuniaria sino a 5.000 euro. E tutto questo ai sensi della legge regionale 19 giugno 2018, n. 27, come integrata nella seduta di ieri, ritenuta costituzionalmente legittima dalla sentenza n. 137 del 2019, relatore Marta Cartabia, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: