Scuola: in Puglia il 22 sciopero contro la linea Emiliano

La scuola pugliese si ferma per sciopero il 22 febbraio, giorno in cui si dovrebbe ricominciare a frequentare le lezioni dopo la scadenza dell’ultima ordinanza del governatore Michele Emiliano, prevista per il 20 febbraio. Lo sciopero è stato indetto da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Fgu Gilda, Anief e Anp di Puglia, per dire no a una nuova ordinanza e chiedere il ripristino delle normali condizioni di frequentazione degli istituti. Al momento in Puglia tutti gli studenti possono scegliere la didattica digitale integrata, non essendo previsto l’obbligo della presenza.

La frequentazione è possibile per tutti gli alunni delle primarie e per il 50% delle superiori ma la scelta è a carico delle famiglie. Proprio le associazioni dei genitori, hanno protestato a lungo nei giorni scorsi contro quella che considerano una forma di deresponsabilizzazione da parte del Governo regionale. Per evitare che tale situazione venga protratta, i sindacati hanno indetto uno sciopero per il 22, che sarà presentato nel corso di una conferenza stampa, che si terrà 12 febbraio alle 10 presso il Saloncino della Cgil a Bari. Durante l’incontro verrà presentata la lettera che i segretari pugliesi invieranno, nella stessa giornata a Mario Draghi, presidente del Consiglio incaricato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

8 marzo, Cgil Bat: “E donna sia… anche in pandemia”

L’8 marzo, nella giornata internazionale della donna, si terrà un incontro in diretta streaming promosso dalla Cgil Bat sul ruolo della figura femminile in pandemia, dalla scuola alla sanità, passando per le istituzioni e in generale attraversando l’intero mondo del lavoro declinato al femminile. “E donna sia… anche in pandemia” è il nome dell’iniziativa delle […]

Covid: Coldiretti, per effetto chiusure consumi degli italiani tornati indietro di 20 anni

Da lunedì 2 italiani su 3 (66%) sono costretti ad affrontare le restrizioni nelle regioni arancioni e quelle più rigide in vigore nelle rosse per il rischio Covid dove risiedono quasi 40 milioni di persone. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti in occasione dell’entrata in vigore del nuovo Dpcm con la nuova mappa dei colori […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: