Selfiemployment, Carriera (Confcommercio) incentivi per donne e disoccupati: domande dal 22 febbraio

Un finanziamento a tasso zero pensato per le donne e per i disoccupati. Arriva il nuovo selfiemployment, nuovo perché gli incentivi contenuti nel bando promosso da Invitalia sono pensati per una platea più ampia di destinatari. Dal 22 febbraio 2021, infatti, i finanziamenti per avviare una piccola attività imprenditoriale in qualsiasi settore saranno aperti, senza limiti di età, anche a donne inattive e disoccupati di lunga durata, oltre che ai Neet iscritti al programma Garanzia Giovani.

 

L’intervento finanzia al 100% progetti di investimento con un importo compreso tra 5mila e 50mila euro. Non ci sono interessi, sono rimborsabili in 7 anni con rate mensili che partono dopo dodici mesi dall’erogazione del prestito. Possono chiedere i finanziamenti imprese individuali, società di persone, società cooperative/cooperative sociali, composte al massimo da 9 soci. Ma anche associazioni professionali e società tra professionisti; in entrambi i casi costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive. Possono essere finanziate le iniziative in tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising, che spaziano dal turismo alla cultura, passando per artigianato e commercio. La domanda può essere compilata sul sito di Invitalia dalle ore 12.00 del 22 febbraio 2021.

 

La Dott.ssa Katia Todisco, referente dello Sportello Credito e Finanza agevolata di Confcommercio Bari – Bat, è a disposizione per fornire chiarimenti sul nuovo Selfiemployment, oltre che accompagnare gli interessati in questo viaggio verso la creazione di un’impresa.

 

“Vogliamo diffondere questa iniziativa perché nel 2020, stando ad un’analisi fatta dal centro studi di Confcommercio, nel nostro Paese sono sparite oltre 300mila imprese. Abbiamo bisogno di invertire la tendenza e questa può essere un’occasione per chi ha un’idea in mente ma non sa come realizzarla non avendo gli strumenti economici per farlo. Purtroppo ci sono persone che a causa del Covid hanno perso il lavoro o stanno per perderlo, così come ci sono donne che hanno dovuto rinunciarvi per dedicarsi in pandemia alla famiglia. Con questo avviso pubblico se si ha un progetto, si ha anche la possibilità di crearlo” spiega Leo Carriera, direttore Confcommercio Bari-Bat sottolineando che “non ci sono bandi, scadenze o graduatorie: le richieste di finanziamento vengono semplicemente valutate in base all’ordine cronologico di arrivo”.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Crisi, il 10 marzo a Roma sciopero nazionale delle Partite Iva

“L’Italia è il paese europeo con il più alto numero di Partite Iva, ben 4,6 milioni di lavoratori autonomi che lo Stato italiano ha da sempre vessato con tasse inique, utilizzandole come bancomat per sanare le falle delle spese folli dovute alla burocrazia. Una situazione aggravata dall’emergenza sanitaria, con milioni di lavoratori e imprese che […]

Dalla Regione soldi per infrastrutture turistiche, finanziato anche il progetto presentato dal Comune di Bisceglie

Altri 49 Comuni pugliesi, tra cui Bisceglie, potranno vedere finanziati interventi per le attività di promozione e di infrastrutturazione turistica grazie ai 55 milioni di euro approvati nella giornata di ieri dalla Giunta regionale. La variazione di bilancio è stata concertata tra l’assessore regionale alla Cultura e Turismo, Massimo Bray, e il vicepresidente e assessore […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: