Pesca, aumento giornate di fermo: preoccupazione della Flai Cgil Bat

Aumentano nel 2021 le giornate di fermo per la pesca a strascico, passando da 30 giorni ad ulteriori stop da 15 a 30 giorni per barche inferiori ai 24 metri e fino a 40 giorni per quelle di lunghezza superiore. Lo prevede l’ultimo decreto del Mipaaf pubblicato nei giorni scorsi. “Un ulteriore colpo al settore già in crisi, a causa della pandemia ma non solo. Servono subito correttivi”, sostiene la Flai Cgil Bat “altrimenti le ricadute occupazionali potrebbero essere drammatiche”.

 

“Una tegola che cade su un settore in enorme difficoltà con una decisione che necessariamente deve essere rivista perché praticamente non percorribile  per la sopravvivenza del settore e degli stessi lavoratori. Nelle marinerie della provincia Bat, come in tutte il resto delle marinerie d’Italia, l’emergenza sanitaria del Covid-19 ha avuto gravi ricadute economiche e occupazionali nel settore della pesca che ha messo già a dura prova la tenuta del settore. L’attività di pesca si era già ridotta notevolmente avendo, almeno nella prima fase, una riduzione quasi totale determinando di conseguenza  il crollo dell’intero settore della pesca. Un comparto che viveva già precedentemente una crisi e che per varie ragioni non riesce più ad essere attrattivo per le nuove generazioni”, spiega il segretario generale della Flai Bat, Gaetano Riglietti.

 

“Le imprese di pesca hanno bisogno di certezze per il futuro di questo settore, ma nello stesso tempo ai lavoratori vanno garantite anche prospettive future affinché il settore non sia abbandonato da tutti e dimenticato. Già lo stop and go derivante dalle misure di contenimento del contagio dei ristoranti o con le aperture solo a pranzo di questa categoria di pubblici esercizi ha inciso molto sul settore della pesca ma di questo aspetto che a cascata ha investito le marinerie poco o nulla si dice”, aggiunge Dora Lacerenza, segreteria della Flai Cgil Bat.

 

“Noi della Flai saremo vicini ai lavoratori del settore  garantendo il nostro impegno ad assumere tutte le iniziative necessarie per garantire la sopravvivenza del settore”, concludono dalla segreteria delle Flai Cgil Bat.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Dieci candeline per la ditta Marchese La Stampa Di Classe

La ditta Marchese La Stampa Di Classe nasce il 31 luglio 2011, in via Alcide De Gasperi 92 a Bisceglie, con obiettivo principale la fornitura di una vasta gamma di servizi rivolti alla comunicazione. “Sono stati 10 ANNI di obiettivi mirati, scelte e cambiamenti talvolta audaci. L’anniversario che ci vedrà protagonisti nel 2021 è solo una tappa […]

Stop a pesce fresco, scatta fermo pesca

Stop al pesce fresco a tavola per l’avvio del fermo pesca che porta al blocco delle attività della flotta italiana lungo l’Adriatico. A darne notizia è Coldiretti Impresapesca in occasione dell’avvio del provvedimento che dal 31 luglio bloccherà le attività dei pescherecci dal Friuli Venezia Giulia al Veneto, dall’Emilia Romagna fino a parte delle Marche […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: