Pesca, aumento giornate di fermo: preoccupazione della Flai Cgil Bat

Aumentano nel 2021 le giornate di fermo per la pesca a strascico, passando da 30 giorni ad ulteriori stop da 15 a 30 giorni per barche inferiori ai 24 metri e fino a 40 giorni per quelle di lunghezza superiore. Lo prevede l’ultimo decreto del Mipaaf pubblicato nei giorni scorsi. “Un ulteriore colpo al settore già in crisi, a causa della pandemia ma non solo. Servono subito correttivi”, sostiene la Flai Cgil Bat “altrimenti le ricadute occupazionali potrebbero essere drammatiche”.

 

“Una tegola che cade su un settore in enorme difficoltà con una decisione che necessariamente deve essere rivista perché praticamente non percorribile  per la sopravvivenza del settore e degli stessi lavoratori. Nelle marinerie della provincia Bat, come in tutte il resto delle marinerie d’Italia, l’emergenza sanitaria del Covid-19 ha avuto gravi ricadute economiche e occupazionali nel settore della pesca che ha messo già a dura prova la tenuta del settore. L’attività di pesca si era già ridotta notevolmente avendo, almeno nella prima fase, una riduzione quasi totale determinando di conseguenza  il crollo dell’intero settore della pesca. Un comparto che viveva già precedentemente una crisi e che per varie ragioni non riesce più ad essere attrattivo per le nuove generazioni”, spiega il segretario generale della Flai Bat, Gaetano Riglietti.

 

“Le imprese di pesca hanno bisogno di certezze per il futuro di questo settore, ma nello stesso tempo ai lavoratori vanno garantite anche prospettive future affinché il settore non sia abbandonato da tutti e dimenticato. Già lo stop and go derivante dalle misure di contenimento del contagio dei ristoranti o con le aperture solo a pranzo di questa categoria di pubblici esercizi ha inciso molto sul settore della pesca ma di questo aspetto che a cascata ha investito le marinerie poco o nulla si dice”, aggiunge Dora Lacerenza, segreteria della Flai Cgil Bat.

 

“Noi della Flai saremo vicini ai lavoratori del settore  garantendo il nostro impegno ad assumere tutte le iniziative necessarie per garantire la sopravvivenza del settore”, concludono dalla segreteria delle Flai Cgil Bat.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Con il nuovo Dpcm in dad tre alunni su quattro

Per effetto del nuovo Dpcm, oltre 6 milioni di studenti potrebbero tornare a seguire le lezioni da casa, il doppio di oggi. Non si verificava dal lockdown del 2020 una chiusura così forte: 2 milioni e 700 mila bambini della scuola dell’infanzia e primaria, un milione e 200mila alunni delle medie e 2 milioni e […]

Iraq: i caldei di Babilonia attendono la visita del Papa

 Il Papa sarà in Iraq dal 5 all’8 marzo dopo quindici mesi di sospensione dei viaggi apostolici a causa della pandemia da Covid 19. Si tratta del primo pellegrinaggio in assoluto del capo della cristianità in Mesopotamia. L’occasione è utile per raccontare alcuni aspetti della complessa situazione religiosa che il Pontefice incontrerà nel paese asiatico […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: