Sequestro lidi “La Salata”, Spina: «Angarano ci dica chi sono i quattro destinatari di “avvisi di garanzia”»

«Angarano dica se è lui stesso destinatario o chi siano i destinatari degli avvisi di garanzia notificati in data odierna (ndr, sabato 6 marzo) unitamente ai provvedimenti di sequestro penale. Si tratta di aree demaniali di competenza comunale e oggetto di concessioni demaniali . Le parole rassicuranti dell’assessore giustizialista e giudice Naglieri, che ha perso in questi anni addentellati importanti nelle sue relazioni trasversali, non sono più tali da garantire l’impunità o la “legittimità forzata” degli atti amministrativi. “Mala tempora currunt”, purtroppo, per l’amministrazione biscegliese, dopo la superficialità e l’illegittimita costante di questi anni di Angarano sindaco. I danni alle casse comunali, all’ambiente e ai cittadini non potranno rimanere senza responsabili. Non era mai successo prima d’ora di vedere a Bisceglie cantieri su aree pubbliche sequestrati dalla magistratura penale. Impreparazione, arroganza e presunzione stanno dando gli effetti negativi che avevamo preannunciato. Angarano mediti se per andare avanti il prezzo che dovrà pagare sia molto salato e rischioso a causa di compromessi e atti amministrativi che lo costringono a firmare coloro che da dietro lo muovono come una marionetta».

E’ quanto dichiara il consigliere comunale Francesco Spina in una nota.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Bisceglie. Droga ed esplosivo in casa: arrestati madre e figlio

Avevano in casa cocaina e hashish, il materiale utile al confezionamento delle dosi di droga, 4mila euro in contanti e in banconote di piccolo taglio oltre a esplosivi sistemati in scatole di cartone nello scantinato. Per questo, una donna di 68 anni e suo figlio di 37 sono stati arrestati dai carabinieri a Bisceglie. Sono […]

Minacce a testimoni, condanne definitive per due ex pm Trani

Sono diventate definitive, dopo che la Cassazione ha rigettato i ricorsi della difesa, le condanne per due ex pm del Tribunale di Trani, Michele Ruggiero e Alessandro Pesce, rispettivamente alla pena di 6 mesi e a 4 mesi di reclusione per concorso in tentata violenza privata. Ora i due magistrati sono in servizio come sostituti […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: