E’ della biscegliese Eva Fontana l’iniziativa di lanciare l’hasting #iononcistopiù

Oggi pubblichiamo il post di una ragazza biscegliese, Eva Fontana, che ha lanciato #IONONCISTOPIU’, contro tutte le violazioni delle norme anti-COVID.

Di seguito il suo post:

«Ho pensato per ore a cosa scrivere su questo post ma, la verità, è che sono talmente arrabbiata che non riesco ad organizzare le idee in maniera discorsiva e, più passa il tempo, più avrei voglia di gridare a squarciagola fino a perdere la voce.

Stamattina sulla chat di Whatsapp mi sono arrivate queste foto e, con tanto rammarico e schifo, questa era la visuale che si aveva sulla litoranea. 

Centinaia di persone, molte senza mascherina, che facevano i propri comodi, fregandosene di essere in zona rossa rafforzata, senza autocontrollo.

Ora, cari lettori, cercate di immaginare ogni città d’Italia nella stessa condizione in cui si è trovata stamattina (e non solo) Bisceglie…ed ecco svelato uno dei motivi per cui non riusciamo a combattere una volta per tutte questo nemico invisibile che, da un anno e passa, ha cambiato le nostre vite. 

La mia domanda è questa: che senso ha avere alcune categorie di negozi chiusi se comunque la situazione reale è questa che vedete nelle foto qui sotto? Dov’è il senso civico, il rispetto per chi è obbligato a non lavorare?

Spesso, quando sono giù di morale, pensando alla situazione che stiamo vivendo, cerco su YouTube il videoclip della canzone “Domani” (21-04-09, artisti uniti per l’Abruzzo, https://www.youtube.com/watch?v=kaiekFL69dM&list=RDkaiekFL69dM&start_radio=1 ), ma solo oggi ho letto i commenti scritti sotto e, tra tutti mi ha colpito un messaggio, «6 Aprile 2020. Più passa il tempo, più questa canzone rivela l’indescrivibile bellezza e potenza di un simile gesto».

Credo fermamente che ognuno possa apportare modifiche per un mondo migliore, basta poco, un semplice gesto. Ed è per questo che ho pensato che domani sarebbe carino se, sui balconi delle nostre case o, fuori le vetrine dei negozi, come gesto solidale a tutte le persone che non possono continuare ad esercitare il proprio lavoro, scrivessimo e lanciassimo l’hashtag #iononcistopiù .

Ci tengo a sottolineare che questo è un hashtag relativo al fatto che IO NON CI STO PIU’ nel vedere tutto ciò che sta succedendo e rimanere in silenzio.

Ricordiamoci che, come dice un proverbio del Burkina Faso, “se le formiche si mettono d’accordo, possono spostare un elefante».

Noi della Redazione invitiamo tutti i cittadini biscegliesi a rispettare le normative anti-COVID, distanti oggi per correre più in fretta domani.

Alberto De Toma

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

La Festa della Parrocchia Misericordia senza processione e messe di quartiere

La Parrocchia Santa Maria Misericordia si prepara a vivere la sua fiera parrocchiale, seppur senza processione e messe di quartiere. E’ stato diffuso il programma dei prossimi appuntamenti (che riportiamo in foto sotto quest’articolo). Chi volesse offrire la propria offerta a devozione della Madonna, può rivolgersi ai sacerdoti in parrocchia.  

Covid, i sindacati chiedono ad Emiliano di chiudere tutti i negozi il 25 aprile e il Primo Maggio

In Puglia le attività commerciali, comprese quelle addette alla vendita di alimentari, siano chiuse con ordinanza regionale sia il 25 aprile che l’1 maggio. E’ la richiesta che al governatore della Puglia, Michele Emiliano, hanno fatto i vertici regionali Cgil, Cisl e Uil insieme alle rispettive federazioni di categoria. I sindacati temono che “l’apertura possa […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: