Grande successo per Bisceglie Unita con il contest Art4Future

Si è tenuto nella giornata del 3 ottobre “Art4Future”, primo contest artistico dell’organizzazione Bisceglie Unita.

Il contest, tenutosi presso il Palazzo Tupputi di Bisceglie ha visto la partecipazione di decine di artisti locali.

“Volevamo cambiare le cose, almeno nel nostro piccolo, e abbiamo pensato che l’arte è da sempre motore di cambiamento, quindi abbiamo avviato una call di artisti, abbiamo chiesto loro di smuovere coscienze con le opere, far capire a chi le guarda che è giunta ora di lavorare attivamente per il nostro pianeta, e l’obiettivo è stato raggiunto.” Afferma Tommaso Di Pinto, presidente di Bisceglie Unita.

Parallelamente alla mostra si è tenuto un convegno con membri delle istituzioni e del terzo settore:

L’Assessore all’ambiente del Comune di Bisceglie, Dott. Giovanni Naglieri;

La Dottoressa Vanessa Spadavecchia , Biologa per L’oasi WWF di Policoro;

Gennaro Cifinelli per Fridays For Future.

Vince il concorso la Biscegliese Mariarosaria Cassanelli, in arte “Aria” con l’opera “Mottainai”, un robot realizzato in 100% materiale di riciclo, capace di migliorare il processo di crescita delle piante.

Di seguito, la descrizione dell’opera a cura dell’artista Aria:

Mottainai – Installazione

“Sono sempre più facilmente disgustato dal fatto che stiamo vivendo in questa società impegnata a farci spendere più di quanto abbiamo, o più di quanto dovremmo, per cose di cui non abbiamo realmente bisogno o che vogliamo, e che inoltre ci sta uccidendo lentamente mentre ci riempie tutte le discariche e fa cantare sempre meno gli uccelli.”

John Updike

L’inarrestabile corsa al progresso ci spinge continuamente ad esigere di più: il fine ultimo è quello di placare un avido appetito, saziare una fame incessante divorando il pianeta dall’interno è prosciugandone le risorse.

Non si tratta di un reale bisogno, bensì di spreco, eccesso, dispendio.

Come un treno in corsa verso il capolinea, l’obiettivo primario è solo quello di raggiungere la meta prefissata, ma come si può arrivare lontano facendo terra bruciata di tutto ciò che c’è attorno?

È da questo paradosso che nasce l’idea di partenza dell’opera: può definirsi progresso ciò che non fa altro che inquinare e demolire la natura? Con quale superbia si pretende che una pianta cresca senza la luce del sole?

Il nucleo dell’opera è costituito da una lampadina fitostimolante recuperata da un acquario in disuso che illumina una piccola pianta. Si tratta di una lampadina fluorescente appositamente studiata per favorire la crescita delle piante e ottimizzarne il processo di fotosintesi.

Il tutto è racchiuso all’interno di un secchio di pittura in plastica che costituisce il busto di un grande robot, simbolo dell’inquinamento che annienta ciò che resta di un ecosistema decadente.

L’opera è realizzata al 100% con materiali riciclati e di recupero, a partire dai barattoli in latta ricavati da confezioni di pomodori pelati e cibo per cani, fino al materiale elettrico, al nastro isolante, alle fascette in plastica e alla vernice, il tutto recuperato dallo scarto di un lavoro di Ristrutturazione.

Il titolo dell’opera “Mottainai” deriva da una parola giapponese usata per indicare il senso di rammarico che si prova quando qualcosa di prezioso viene sprecato, può essere tradotto con “non sprecare nulla di degno”.

In alto una foto dell’opera vincitrice e dell’artista Mariarosaria “Aria” Cassanelli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Grande successo per Simonetta Agnello Hornby alle Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie

La sala gremita e il pubblico che pur di seguire la presentazione si è posizionato all’esterno della libreria. Grande successo per la presentazione del nuovo libro Punto Pieno, I Narratori Feltrinelli, di Simonetta Agnello Hornby che si è svolta ieri alle Vecchie Segherie Mastrototaro.  La scrittrice, che ha fatto tappa a Bisceglie dopo le presentazioni a Roma e Milano […]

Avvistamenti (non) è un Festival: Paolo Gioli (Apulia Film House, 29 ottobre-17 dicembre 2021)

Avvistamenti (non) è un Festival è un progetto apolide e intermediale che esplora la cinematografia sperimentale nel suo complesso rapporto con le altre arti. Dal 2002 promuove un approccio innovativo al video d’autore, collocandolo nell’ambito delle arti performative. Avvistamenti è un’iniziativa del Cineclub Canudo, prodotta da Apulia Film Commission e Regione Puglia nell’ambito del Piano Straordinario Custodiamo la Cultura in Puglia con risorse […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: