Il biscegliese Luciano Lopopolo è il nuovo presidente nazionale di Arcigay

Era candidato alla presidenza come esponente di punta della mozione congressuale “Liberazione senza confini” e al termine della votazione ce l’ha fatta.

Luciano Lopopolo, biscegliese di 44 anni, è il nuovo presidente nazionale di Arcigay, la più importante associazione italiana che “si batte per la parità dei diritti, l’autodeterminazione,  il superamento di stereotipi e pregiudizi nei confronti delle persone LGBTI, e contro ogni forma di discriminazione”.

Luciano Lopopolo è attivista del comitato territoriale Arcigay della BAT dal 2012.

Foto RaiNews.it

Annunci

Casella nuovo Presidente del Consiglio comunale. «Nuovi segnali di confronto in aula»

«Metto a disposizione la mia umile esperienza che ha contraddistinto il mio lungo percorso politico. Un percorso che ho sempre considerato una palestra che mi ha fatto crescere non solo come politico ma come uomo e cittadino». Ha esordito con queste parole il nuovo Presidente del consiglio comunale Gianni Casella eletto all’unanimità dei presenti.

«Sarà forse l’ultimo intervento che farò per rispetto istituzionale che mi obbliga a non entrare nell’agone politico. Vengo da 5 anni di opposizione condivisa con il sindaco Angarano che mi vedeva di fronte ad una maggioranza silente che impediva ogni possibilità di confronto, una conseguenza forse di quella infame campagna elettorale del 2013. Oggi i segnali arrivati da questa aula sembrano già diversi come testimoniano apprezzabili interventi tra cui quello del giovane consigliere Giuseppe Losapio.
Mi è dispiaciuto vedere Franco Napoletano e il suo gruppo abbandonare l’aula. Noi non lo abbiamo fatto 5 anni fa quando era chiaro che fosse il Presidente del Consiglio della maggioranza di Spina».

«Consapevole di dover trovare un giusto equilibrio tra diritti e doveri -ha concluso il presidente Casella-, assumerò una posizione di garanzia istituzionale nel rispetto rigoroso delle regole che non riguardano solo la gestione del dibattito in aula ma anche nel mettere a disposizione dei capigruppo tutto il meteriale utile alla discussione dei punti all’ordine del giorno».