Veneziani e… l’abuso di Marcinelle

Lasciate stare l’indecente demagogia nel ricordo della tragedia di Marcinelle, dove morirono nel 1956 duecentosessantadue lavoratori in miniera, di cui la metà italiani, quasi tutti meridionali.

Lasciate stare, gufi, sinistreria e autorità, inclusi voi presidenti Mattarella e Boldrini, il paragone tra quei lavoratori morti sul lavoro e gli immigrati clandestini che arrivano a fiumi sulle nostre sponde.

Continua a leggere

Annunci

Per Veneziani i complici degli schiavisti sono tra noi

Papa Francesco e il suo vicario in Quirinale Mattarella hanno ieri condannato all’unisono la tratta degli esseri umani nella giornata mondiale promossa dall’Onu.

Come si fa a non essere d’accordo con loro, chi volete che possa giustificare la tratta di migranti, di schiavi, di donne e bambini, di organi vitali? Però, se non vogliamo che siano solo parole vane per compiacere anime belle, e sentirsi così sollevati da ogni scrupolo, vogliamo fare un piccolo sforzo e andare un tantino più a fondo?

Continua a leggere

Veneziani racconta di quando la Luna venne a trovarci…

Voi non sapete cosa vi siete persi se non avete vissuto quella notte del 20 luglio del ’69. L’universo venne direttamente a casa nostra, la magia si fece visione notturna, un incantesimo di massa.

Era una notte calda e memorabile e tre uomini, vestiti d’astronauti con la testa nel pallone di vetro, passeggiarono per noi sulla luna, piantarono bandiere, ci mandarono messaggi extraterrestri. Eravamo tutti con gli occhi sgranati e incollati al video per il collegamento diretto col futuro.

Continua a leggere

Veneziani sul caso Charlie Gard: poi ci sono «i ‘clinicamente corretti’ ma nazionalisti sulla sua pelle»

La vicenda di Charlie Gard sta tenendo l’opinione pubblica con il fiato sospeso ormai da settimane. Fra udienze, scontri, prese di posizione e notizie che si susseguono di ora in ora, la vita del piccolo Charlie diventa sempre di più un caso; con i genitori che lottano strenuamente per avere il diritto di portarlo altrove, contro la decisione dei giudici di non iniziare quella che ritengono una inutile sofferenza per il bambino.

Continua a leggere

Veneziani: «Siamo torturati da leggi ideologiche»

Non so se sia per merito del governo in carica, del Pd renziano o della Boldrini, ma il Parlamento italiano si occupa solo di leggi ideologiche, che spaccano il Paese e servono a rassicurare la sinistra che ancora esiste.

Ius soli, femminicidio, unioni gay, tortura, solo per citarne alcune di famose e di recenti.

Prendete l’ultima, la legge sulla tortura. Leggo sui giornali dopo la sua approvazione: “La tortura in Italia ora è reato”.

Continua a leggere

Veneziani e la crisi del centrodestra in Puglia: «Qui sono rimasti gli orfani. E pensano solo a litigare»

«Dopo Mimmo Mennitti e Giuseppe Tatarella qui c’è la destra degli orfani. E la stessa Adriana Poli Bortone assessore a Matera e Alfredo Mantovano in magistratura sono un chiaro segnale della sconfitta per un’intera area politica. Chi poi resta in campo si segnala solo per la litigiosità»: ecco la fotografia impietosa che lo scrittore e politologo Marcello Veneziani riserva al centrodestra pugliese, sconfitto nei ballottaggi di Lecce e Taranto nelle ultime amministrative.

Continua a leggere

Veneziani ospite del Comune di Arezzo. Presenta il suo libro “Alla luce del mito”

 Il mito come fondo originario che precede la storia, la politica, il pensiero, l’arte, la religione e perfino l’economia. È questo il tema dell’ultimo libro di Marcello Veneziani “Alla luce del mito” che il filosofo, scrittore e giornalista presenterà venerdì 14 luglio alle 21,30 nel chiostro del palazzo comunale.

L’incontro, organizzato dal Comune di Arezzo, si inserisce nel programma delle iniziative culturali dell’estate. Nel saggio, Veneziani riconosce al mito una dimensione costitutiva, essenziale dell’animo umano, e lo tratta non tanto nella sua dimensione classica, quanto come racconto di fondazione, possibilità concessa agli uomini di vedere oltre il sensibile. Questo, distinguendo, come dice lo stesso Veneziani, tra i miti che elevano e quelli che portano in basso, tra eroi e idoli, tra i modelli positivi e quelli devastanti.

Una lettura erudita e piacevole in grado di suscitare profonde riflessioni sul nostro tempo. La presentazione, coordinata da Barbara Bianconi, sarà preceduta dai saluti del sindaco Alessandro Ghinelli.