DIGITHÒNNE… ovvero il futuro delle applicazioni tecnologiche… …spiegòte alla Vescegghìaise! (di Nicola Ambrosino)

DIGITHON, da un’idea dell’On. Francesco Boccia, il futuro dell’innovazione tecnologica e digitale ha trovato dimora a Bisceglie. Un’interessante maratona nel progresso informatico, realizzata tra le splendide e antiche mura di Bisceglie…ma un’anziana nonna chiede al Poeta di spiegarle, in parole semplici e in dialetto, cosa le riserva…il futuro! Una divertente satira, in rime alterne, sul futuro prossimo venturo. Buon divertimento!

O cèndre du Paiése,
m’addemannéie na nònne,
cu senéile appése:
“Ced’à stù Digithònne?

“Iè che sò ‘gnòrende,
re scóle nan sò fatte;
spieghiscéme, all’istènde,
ce vóle déce “Appe?”.

E ié, assà perfétte,
spieghibbe, dò alla nònne,
bóune ed in dialétte,
ced’à stu “Digithònne!”.

“Chèsse è ‘na sorprèse,
crìause e assà alla rètte,
ma sia canòsce u ‘nglèse…
e u mùnne d’indernètte!”.

“Digit”,ad esémbie,
vòle a déce, tòh,
pe fò u collegaménde…
ne taste sia scazzò!”.

“On” è na paròle,
ne tèrméne creìuse,
che vóle déce assóle…
“saupe” e pìure “sìuse!”.

Ce stà sémbre ìnde a caste
e vóu mangiò u presutte…
scazze appène u taste…
e arréve péine e tutte!”.

Chèsse “Applicazióne”,
che stu brevétte ‘ngappe;
stà sórte d’invenzióne…
la chièmene, pó: “Appe!”.

Se mètte o combiutèrre,
saupe o telefonéne;
nan la tróuve ‘ndèrre…
ma fòce fò quattréne!”.

“Vou, lèste, ne dottóre?
Ne póste o capesènde?
L’”Appe” cu motóre…
tróve u chiù vachènde!”.

“Te dicéne: “Chernìute!”
Ìnde a re córne ‘ngappe?
Ce chèsse è resapìute…
nan’à sbagliòte…l’Appe!”.

La nònne a stu progrésse,
me stòve dò a sendé;
me disse: “Ié confésse…
ma dimme, segneré!”.

“U nònne, ié ce u chiéime
e vógghie amoreggiò…
u fruskue…chiù nan sckéime,
e u vàche…appapazzò!”.

“Dille a le scenziòte…
de criò n’alte “Appe”,
che u tèrne, spudoròte,
cu nònne, almène… u ‘ngappe!”.

“Uè nònne… stè arretròte;
tìue vóu sapè de chìue?
U nònne, appapazzòte…
da mó nan sèrve chìue!”.

“Ne caccavéidde ‘ngòpe,
na mèsckére pó ‘mbacce,
ne tótere, criòte…
tu véde, facce a facce!”.

Tu póute sègghie biònde,
russe, nérghe o brìune,
te vòse, sòtte e ‘mbrònde,
ne tróuve de lallìune!”.

“Ma sèrve solaménde…
de scé saupe a Facebokke,
de fò u collegaménde…
e de cangiò il tuo looke!”.

Da chera déie, la nònne,
se mettè ad acchiò…
grazzie a Digithònne,
crestiéine ‘n-guanditò!”.

O nònne, appapazzòte,
pó nau penzòve chìue…
cure ère arretròte…
avé fatte u munne sìue!
GLOSSARIO DIALETTALE
M’addemannéie na nònne = Mi chiese una nonna
Cu senéile appése = Col grembiule appeso
Ce vóle déce “Appe? = Che significa il termine “App”?
U mùnne d’indernètte = Il mondo di “Internet”
“Digit”,ad esémbie = Digitare, ad esempio
“On” è na paròle = Su (traduzione inglese) è una parola
Scazze appène u taste = Pigia appena il tasto
Arréve péine e tutte = Arriva pane e ogni ben di Dio
Che stu brevétte ‘ngappe = Che questo brevetto ha in uso
“Te dicéne: “Chernìute!” = Ti danno del “Cornuto!”
Ìnde a re córne ‘ngappe? = Incorri in storie di corna?
Ce chèsse è resapìute… = Se questo è risaputo…
Nan’à sbagliòte…l’Appe! = Non ha sbagliato l’applicazione
U fruskue…chiù nan sckéime = L’organo genitale non dà più segni
U vàche…appapazzò = Lo vedo appisolarsi
Cu nònne, almène… u ‘ngappe! = Col nonno lo porto a segno!
Ne caccavéidde ‘ngòpe = Una calotta in testa ( strumento utilizzato per entrare nella realtà virtuale)
Ne tótere, criòte = Un bel ragazzo, ben concepito.
De scé saupe a Facebokke = Di andare su Facebook

 

NICOLA AMBROSINO

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Sicurezza e legalità, Unionecommercio: Nitti suona la sveglia nella Bat

L’intervento del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trani, dott. Renato Nitti, sembra aver scosso un territorio notoriamente ultimo in Italia nelle cose belle e buone e primo in quelle brutte e cattive. Come al solito non le manda a dire il Presidente Unibat, Savino Montaruli, che aggiunge.: “il Procuratore suona la sveglia in […]

Permeabilità alle mafie. Per Eurispes-DNA, BAT peggio della provincia di Matteo Messina Denaro

Come rispondono i nostri sindaci, il prefetto, i parlamentari del territorio all’appello del Procuratore Nitti? L’appello del Procuratore della Repubblica di Trani, Renato Nitti, rompe il velo di omertà e d’ipocrisia delle istituzioni locali sul fenomeno della penetrazione delle mafie nella nostra provincia. Non serve andare di fioretto, quando si analizzano certi fenomeni. Bisogna mettere […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: