Come determinare la Tari? Sul dilemma del Comune interviene la Corte dei Conti

Il Sindaco di Bisceglie ha rivolto alla sezione regionale della Corte dei Conti un quesito chiedendo se è possibile  determinare i costi del servizio di igiene urbana per l’anno 2019 utilizzando i parametri quantitativi determinati con riferimento all’annualità 2018, in assenza di rapporto contrattuale instauratosi dopo regolare gara d’appalto (la società Ambiente 2.0 opera in regime di proroga)  e se tale determinazione quantitativa possa comportare la sottostima dei costi in relazione alla espletanda gara di affidamento del servizio. Inoltre, c’è da stabilire se, in via prudenziale, i costi conseguenti ai contenziosi in corso (con il precedente gestore Camassambiente e con una delle ditte escluse, la Sangalli) debbano essere prudenzialmente considerati nel Piano Economico Finanziario relativo 2019-2021.

«Il tributo TARI -ricorda la Corte dei Conti nell’esprimere il suo parere- è istituito per la copertura integrale degli interventi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati, comprensivi di tutti i costi relativi ad investimenti per opere e relativi ammortamenti, nonché di tutti i costi d’esercizio del servizio di gestione dei rifiuti, inclusi i costi dello smaltimento dei rifiuti nelle discariche ed i costi per il servizio di spazzamento e lavaggio delle strade pubbliche».

Per quanto riguarda invece gli accantonamenti per il contenzioso, «appare evidente che trattasi di accantonamenti strettamente connessi a costi derivanti dal ciclo operativo di gestione dei rifiuti», scrive la Corte.

Dunque, se il mancato aumento della tassa sui rifiuti è dovuto ai costi stimati come immutati rispetto all’anno precedente, secondo la Corte dei Conti per questi costi bisogna effettuare “un’accurata analisi previsionale”.

«L’eventuale scostamento -ricorda infine la Corte dei Conti citando le linee guida in merito del Ministero dell’Economia- dei costi di gestione e dei costi comuni per l’anno di riferimento rispetto all’aggiornamento dovuto a sostanziali modifiche nella gestione e nelle modalità di esecuzione del servizio ovvero a modifiche dei prezzi di approvvigionamento di servizi e forniture da terzi, dovrà essere giustificata nella relazione di accompagnamento al Piano Finanziario».

Foto: Statoquotidiano.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Quirinale, mons. Ricchiuti (Pax Christi): «Futuro Presidente richiami Parlamento a ripudio guerra»

Una figura che sia super partes rispetto ai partiti e che abbia un certo polso. Questo, secondo l’arcivescovo Giovanni Ricchiuti, presidente nazionale di ”Pax Christi” e vescovo della diocesi di Altamura, Gravina in Puglia e Acquaviva delle Fonti, in provincia di Bari, le caratteristiche che dovrebbe avere il prossimo presidente della Repubblica. ”Auspico – spiega […]

OvOZecchillo: passione, qualità e professionalità

Oggi vi raccontiamo la storia dell’azienda OvOZecchillo, una realtà presente ormai da decennio nel tessuto produttivo della nostra città. Da generazioni la Famiglia Zecchillo porta avanti la produzione di uova garantendo sempre i massimi standard qualitativi. Oggi, dopo anni di lavoro, Benito e il figlio Pasquale hanno preso completamente in mano le redini dell’azienda, guardando […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: