Come determinare la Tari? Sul dilemma del Comune interviene la Corte dei Conti

Il Sindaco di Bisceglie ha rivolto alla sezione regionale della Corte dei Conti un quesito chiedendo se è possibile  determinare i costi del servizio di igiene urbana per l’anno 2019 utilizzando i parametri quantitativi determinati con riferimento all’annualità 2018, in assenza di rapporto contrattuale instauratosi dopo regolare gara d’appalto (la società Ambiente 2.0 opera in regime di proroga)  e se tale determinazione quantitativa possa comportare la sottostima dei costi in relazione alla espletanda gara di affidamento del servizio. Inoltre, c’è da stabilire se, in via prudenziale, i costi conseguenti ai contenziosi in corso (con il precedente gestore Camassambiente e con una delle ditte escluse, la Sangalli) debbano essere prudenzialmente considerati nel Piano Economico Finanziario relativo 2019-2021.

«Il tributo TARI -ricorda la Corte dei Conti nell’esprimere il suo parere- è istituito per la copertura integrale degli interventi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati, comprensivi di tutti i costi relativi ad investimenti per opere e relativi ammortamenti, nonché di tutti i costi d’esercizio del servizio di gestione dei rifiuti, inclusi i costi dello smaltimento dei rifiuti nelle discariche ed i costi per il servizio di spazzamento e lavaggio delle strade pubbliche».

Per quanto riguarda invece gli accantonamenti per il contenzioso, «appare evidente che trattasi di accantonamenti strettamente connessi a costi derivanti dal ciclo operativo di gestione dei rifiuti», scrive la Corte.

Dunque, se il mancato aumento della tassa sui rifiuti è dovuto ai costi stimati come immutati rispetto all’anno precedente, secondo la Corte dei Conti per questi costi bisogna effettuare “un’accurata analisi previsionale”.

«L’eventuale scostamento -ricorda infine la Corte dei Conti citando le linee guida in merito del Ministero dell’Economia- dei costi di gestione e dei costi comuni per l’anno di riferimento rispetto all’aggiornamento dovuto a sostanziali modifiche nella gestione e nelle modalità di esecuzione del servizio ovvero a modifiche dei prezzi di approvvigionamento di servizi e forniture da terzi, dovrà essere giustificata nella relazione di accompagnamento al Piano Finanziario».

Foto: Statoquotidiano.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

L’I.I.S.S. “Sergio Cosmai” di Bisceglie e Trani riparte

Rieccoci finalmente al nostro posto. Ognuno sulla sua sedia e davanti al suo banco. Avvertivamo da tempo il bisogno di una scuola che tornasse a misura di studente, che non si valuta calcolando la distanza tra la casa e la classe né quella tra i pc di ultima generazione. La misura di uno studente sta […]

Carriera (Confcommercio): la Puglia a sostegno delle microimprese

Lo sportello Finanza Agevolata, attivo presso Confcommercio Bisceglie, è pronto ad assistere le imprese per partecipare alla nuova annualità del Bando Micro-Prestito. La misura rientra nelle iniziative regionali a sostegno delle microimprese e delle lavoratrici e lavoratori autonomi già iscritti al registro delle imprese al 31/12/2020, con sede operativa in Puglia e che abbiano subito […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: