Il Poliambulatorio Il buon Samaritano riapre al pubblico

Il Poliambulatorio Il buon Samaritano riapre le porte al pubblico. Dopo la chiusura del marzo scorso, causata dall’emergenza Covid, i volontari di Epass Onlus tornano operativi per offrire visite mediche gratuite specialistiche a tutti coloro che vivono situazioni di difficoltà socio-economica.

La struttura di piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa riprende dunque il proprio servizio di contrasto al fenomeno della “sanità negata”, con l’obiettivo di fornire risposte efficaci e concrete alla domanda di salute proveniente dai cittadini del territorio. Apertura il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 19.00.

“In questi mesi di chiusura abbiamo lavorato molto – le parole del presidente di Epass Luigi De Pinto – per garantire la continuità del servizio dopo il periodo di chiusura forzata. Siamo certi che tante persone abbiano bisogno del Poliambulatorio, l’emergenza ha sicuramente aggravato alcune situazioni di povertà ed aumentato il numero già alto di coloro che sono costretti a rinunciare alle cure per ragioni sociali ed economiche”.

“Riapriamo in tutta sicurezza – commenta il dott. Andrea Dell’Olio, direttore del Poliambulatorio – in un ambiente totalmente sanificato, con un nuovo servizio di accettazione e nuovi percorsi per garantire il distanziamento sociale e le misure di sicurezza”.

Il Poliambulatorio Il buon Samaritano è aperto ufficialmente dal 4 febbraio 2019, dopo un periodo di sperimentazione durato 90 giorni. Il progetto di Epass si basa sul contributo di 120 volontari, tra cui 40 medici, che offrono gratuitamente le proprie professionalità. Nel suo primo anno di attività il Poliambulatorio ha erogato 3321 visite mediche specialistiche in maniera totalmente gratuita.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Sull’anticipo della nascita di Gesù Bambino la sfida è a Bisceglie tra Boccia e mons. Ricchiuti

Si gioca a Bisceglie la partita sulla proposta avanzata dal Ministro Boccia (biscegliese) di anticipare di un paio d’ore le celebrazioni liturgiche il 24 dicembre prossimo. A replicare all’esponente Pd è stato il presule Giovanni Ricchiuti (anch’egli biscegliese). Lo ha fatto sulle pagine de “Ilfattoquotidiano.it” in una lunga intervista curata dal collega Francesco Antonio Grana. […]

Legambiente, Di Gregorio: pochi soldi per i pasti caldi agli indigenti e troppo denaro per le luminarie

Non ci siamo, proprio non ci siamo. La nuova delibera della giunta comunale biscegliese al gran completo, ci trova sconcertati! In essa, per le festività natalizie, si destinano a luminarie e rappresentazioni varie, oltre 34.500€ mentre, per i pasti caldi degli indigenti, meno di un decimo di quella cifra. Ci chiediamo sgomenti se, come hanno […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: