Alla ditta spagnola Acciona 30 chilometri di reti idriche tra Bisceglie e Minervino. Appalto di due anni per un valore di circa 15 milioni

La società spagnola Acciona rafforza la sua presenza in Italia aggiudicandosi due contratti di trattamento e gestione delle acque per un valore complessivo di 29,7 milioni di euro. Secondo quanto riferito dall’azienda in un comunicato, il contratto prevede la manutenzione delle reti fognarie e idriche del municipio 1 Roma capitale, compresa la Città del Vaticano.

Il contratto, assegnato da Acea Ato 2, la società pubblica incaricata della gestione del ciclo integrale dell’acqua a Roma, ha un valore totale di 15 milioni di euro e una durata di due anni. Acciona sarà incaricata anche del rinnovamento di 30,5 chilometri di reti idriche nei comuni di Barletta, Bisceglie, Trani e Minervino. Questo contratto, assegnato da Acquedotto Pugliese, ha un valore totale di 14,7 milioni di euro e una durata di due anni, include azioni volte a migliorare il controllo e il monitoraggio delle pressioni e di altre grandezze idrauliche delle città interessate. Nel settore del trattamento delle acque, l’azienda ha anche realizzato importanti progetti in regioni come Sardegna, Lazio, Puglia, Piemonte, Lombardia, Toscana, Liguria e Sicilia. Tra gli altri, ha costruito l’ampliamento dell’impianto di trattamento delle acque reflue di Guidonia (Roma) e l’impianto di biofiltrazione di Scicli (Sicilia), oltre a modernizzare diversi impianti di trattamento delle acque reflue a Bari, Cagliari e Milano.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

8 marzo, Cgil Bat: “E donna sia… anche in pandemia”

L’8 marzo, nella giornata internazionale della donna, si terrà un incontro in diretta streaming promosso dalla Cgil Bat sul ruolo della figura femminile in pandemia, dalla scuola alla sanità, passando per le istituzioni e in generale attraversando l’intero mondo del lavoro declinato al femminile. “E donna sia… anche in pandemia” è il nome dell’iniziativa delle […]

Covid: Coldiretti, per effetto chiusure consumi degli italiani tornati indietro di 20 anni

Da lunedì 2 italiani su 3 (66%) sono costretti ad affrontare le restrizioni nelle regioni arancioni e quelle più rigide in vigore nelle rosse per il rischio Covid dove risiedono quasi 40 milioni di persone. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti in occasione dell’entrata in vigore del nuovo Dpcm con la nuova mappa dei colori […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: