Covid, la Puglia va verso la “zona arancione”. Caos sui “vaccini agli amici” dopo la denuncia del Pd

Mentre i contagi Covid aumentano e la Puglia “corre” verso il ritorno in zona arancione, la denuncia del segretario regionale e deputato del Pd, Marco Lacarra, sui vaccini fatti ad amici e conoscenti anziché ai malati gravi porta scompiglio nella campagna vaccinale anti Covid. “Il valore Rt è ancora inferiore a 1, ma gli indicatori di diffusione del contagio ci pongono in rischio moderato. Dobbiamo aspettare il giudizio della Cabina di regia perché con rischio moderato potremmo essere anche classificati in fascia arancione”: ha spiegato l’assessore alla Salute della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco.

Anche la fondazione Gimbe  ha segnalato un incremento settimanale di nuovi casi del 30% rispetto alla settimana scorsa e il bollettino quotidiano ha registrato una nuova risalita della curva dei contagi. Su 10.058 test effettuati sono stati registrati 1.438 casi positivi: 646 in provincia di Bari, 129 in provincia di Brindisi, 92 nella provincia Bat, 147 in provincia di Foggia, 87 in provincia di Lecce, 334 in provincia di Taranto, 2 casi di residenti fuori regione, 1 caso di provincia di residenza non nota. Sono stati registrati anche 32 decessi: 15 in provincia di Bari, 2 in provincia BAT, 4 in provincia di Foggia, 8 in provincia di Lecce, 3 in provincia di Taranto. Dall’inizio della pandemia sono morte 4.053 persone. Sono 113.542 i pazienti guariti (+ 1268); crescono i casi attualmente positivi a 33.806 mentre ieri erano 33.668 (+138). I pazienti ricoverati sono 1.449 mentre ieri erano 1.448 (+1). Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio dell’emergenza è di 151.401.

A scuotere la campagna vaccinale sono state le dichiarazioni di Lacarra: “Mi giungono voci di gravissime crepe nel piano vaccinale e in particolare di fatti gravissimi accaduti qui in Puglia. Persone che non hanno alcun titolo per accedere ai vaccini anti-Covid-19 – rileva – riescono a farselo somministrare sfruttando conoscenze e favori, mentre persone con patologie gravi, malati oncologici, tanti anziani con seri problemi di salute aspettano il loro turno, nella terribile consapevolezza di un contagio che potrebbe costar loro la vita”. Per Lacarra questo è un “crimine vergognoso” e “la magistratura deve immediatamente intervenire”. Il segretario del Pd ha poi annunciato  di essere pronto a presentare una denuncia. Immediatamente si è attivato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che ha incaricato l’avvocato Antonio La Scala coordinatore del Nirs, il Nucleo ispettivo regionale sanitario della Regione Puglia, di ascoltare il segretario Pd. “Sui fatti che l’onorevole Lacarra denuncerà – dichiara il presidente Emiliano – saranno svolti approfonditi e severi accertamenti per denunciare i reati eventualmente commessi e per adottare le sanzioni disciplinari conseguenti”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Ponte Lama, limitazioni alla circolazione stradale fino all’ultimazione dei lavori di messa in sicurezza

Il Sindaco di Bisceglie in data odierna ha firmato un’ordinanza per stabilire limitazioni alla circolazione stradale fino all’ultimazione dei lavori di messa in sicurezza e ristrutturazione del viadotto “Ponte Lama”, recentemente aggiudicati dal Comune di Bisceglie in seguito ad un finanziamento di 5.000.000 di euro ottenuto dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti. Di seguito […]

Diritti umani, dal Midu la solidarietà ai pazienti del Don Uva e alle loro famiglie

E’ vergognoso che in un paese civile succedono fatti vergognosi come quello che è successo all’Istituto Don Uva di Foggia per l’assistenza ad anziani disabili. Ancora una volta la nostra amata terra viene infangata in tutta Italia, a causa di 30 dipendenti sotto inchiesta che hanno usato violenza di ogni tipo sui fragili indifesi disabili, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: