Discoteche, Lopalco insiste: si entra con green pass e tampone dopo cinque giorni

Dopo la sperimentazione delle norme anti-Covid in una discoteca di Londra, il 1 maggio, anche l’Italia si prepara a testare il livello di sicurezza in due locali: a Milano in una discoteca al chiuso e a Gallipoli, nel Leccese, all’aperto il 5 giugno si ritroveranno circa 2mila giovani. Alla stesura del protocollo ha contribuito l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene generale e applicata all’università di Pisa e assessore alla Sanità della Regione Puglia, che in un’intervista a ‘Il Messaggero’ illustra un modello replicabile anche ad altre attività. “Valuteremo l’efficienza dei metodi di prevenzione – spiega – Potremo così capire se all’interno di un evento di questo genere, con un numero piuttosto consistente di partecipanti, si può sviluppare qualche contagio”.

Le persone che interverranno all’evento, che “si svolge sotto l’egida della Società italiana di malattie infettive”, sottolinea l’esperto, “dovranno ripetere il tampone dopo 5 giorni”. E per partecipare servirà green pass: “Noi – evidenzia lo scienziato-assessore – abbiamo partecipato anche alla realizzazione di proposte di protocolli specifici basati sul principio del green pass, di essere in possesso cioè di una delle tre prerogative ossia vaccinazione, avvenuta guarigione o tampone nelle 48 ore precedenti, per accedere a eventi come per esempio una grande cerimonia, un concerto, le discoteche. Tutto finalizzato a una ripresa di queste attività nel massimo livello di sicurezza”.

“In Puglia – prosegue Lopalco – abbiamo lavorato nella direzione indicata dal ministro Gelmini”, la titolare degli Affari regionali e delle Autonomie, che ha dichiarato l’intenzione del Governo di valutare l’estensione del green pass a diversi servizi.

“Ora speriamo che molto presto vada in porto la certificazione secondo lo standard europeo, che vale per tutta Italia e per tutta Europa”. Nel frattempo, riferisce l’assessore, “abbiamo messo a disposizione degli utenti una sorta di green card regionale. Sul sito della Regione Puglia è attiva una pagina dove si può scaricare o il certificato vaccinale o quello di avvenuta guarigione, oppure se è stato fatto un tampone presso i laboratori accreditati è possibile stampare il risultato del test”. Sul pass europeo “le indicazioni dovrebbero arrivare la seconda metà di giugno, intanto si sta lavorando per essere pronti ad allineare i nostri dati con quelli richiesti dalla certificazione europea. Sarà un problema puramente informatico”.

L’idea di dover garantire la seconda dose di vaccino a chi andrà in vacanza in Puglia, non preoccupa il responsabile della Sanità regionale: “Questo è un tema al quale siamo molto interessati – dice – Le presenze in Puglia nel periodo estivo contano milioni di persone e noi non vogliamo che l’appuntamento per la seconda dose possa diventare un deterrente. Lo scoglio maggiore è legato soprattutto alla distribuzione delle dosi. C’è un problema logistico dovuto allo spostamento di qualche centinaia di migliaia di fiale da una Regione all’altra. E poi va superato il problema della comunicazione dell’avvenuta profilassi alla Asl di appartenenza. Sono però solo questioni tecniche, risolvibili investendo tempo e risorse. Ma credo che in questo momento siano una priorità”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Le strane gare d’appalto di Angarano, Spina: «Un appalto che si decide in 5 minuti…»

«La Svolta degli incapaci continua a danneggiare imprenditori e cittadini. Avete mai visto un avviso per una gara dove la domanda deve presentarsi entro 5 minuti? E ‘ avvenuto proprio da noi a Bisceglie, presso il Comune della Svolta. Parliamo di forniture di cartellonistica. Sono stati invitiati a partecipare più fornitori “veri” o tutto era […]

Covid. Ricchiuti (FdI): green pass è scelta divisiva

“C’è una fetta piuttosto importante di cittadini che per ora sarà tagliata fuori dal green pass per un motivo o per un altro. Non esistono soltanto i No-vax, per inciso quelli che sono contrari ad ogni tipo di vaccino, ma questo sembrano ignorarlo in troppi. È molto più semplice prendere una posizione manichea, vedere bianco […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: