Già arrestato lo scorso mese, torna in carcere per spaccio di droga 27enne biscegliese

Continua l’azione di contrasto da parte della Tenenza Carabinieri di Bisceglie, nell’arginare il dilagante fenomeno dello spaccio di stupefacenti. Durante la mattina di ieri, militari di Bisceglie hanno arrestato in flagranza di reato R.D., di anni 27, resosi responsabile di detenzione ai fini di spaccio di non modiche quantità di sostanze stupefacenti.

I Carabinieri, impegnati in una prolungata attività info-investigativa, finalizzata a una determinata e incisiva azione di lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti, avevano notato in questi ultimi periodi, la presenza di alcuni tossicodipendenti nella zona di via Europa. Proprio in detta strada, gli operanti avevano contezza dell’abitazione del 27enne, soggetto ben noto, poiché già arrestato lo scorso mese in quanto trovato all’interno di una cantinola, attrezzata in stile “Gomorra”, mentre smerciava stupefacenti di vario genere. In detta occasione il pusher veniva sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Tornando ai fatti recenti, nella mattina di ieri quindi, i militari operanti, decidevano di andare a fare un controllo all’arrestato domiciliare, constatando sin da subito una certa resistenza di costui nell’aprire la porta. Compresa la determinazione dei Carabinieri, R.D. si vedeva costretto a cedere e permettere così l’accesso, tentando con alcuni espedienti di evitare il controllo dell’abitazione, ma senza successo. All’interno della camera da letto, il personale operante rinveniva, su un tavolino debitamente attrezzato, 13 dosi di cocaina e altro stupefacente dello stesso tipo, pronto per essere suddiviso in dosi, per complessivi grammi 16,5, nonché due grammi di hashish. Inoltre veniva rinvenuto e sequestrato anche un bilancino elettronico e il necessario per confezionamento dello stupefacente, nonché 620,00 Euro in banconote di vario taglio, provento dell’attività di spaccio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Vendevano mascherine cinesi senza indicazioni in italiano, nei guai due farmacie (una di Bisceglie)

Mille mascherine irregolari. È quanto hanno scoperto i carabinieri del Nas di Bari nell’ambito dei servizi sulla commercializzazione di dispositivi medici e di destinazione d’uso sanitario. Nel corso di controlli presso una farmacia di Bisceglie e un esercizio commerciale di Bari, gestito quest’ultimo da una cittadina di nazionalità cinese, i militari hanno constatato la presenza di migliaia […]

In Puglia cambiano le regole sulle registrazioni dei casi positivi Covid

“Con le nuove regole sulla gestione dei casi confermati covid introdotte dal Governo nazionale, i test antigenici rapidi effettuati in farmacia o nei laboratori privati della rete regionale SARS-CoV-2 e registrati sul sistema informativo regionale sono stati resi equivalenti ai tamponi molecolari, senza necessità di conferma ai fini della sorveglianza e della gestione dei casi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: