Pretendono soldi per restituire auto rubata a Bisceglie, arrestate due persone di Andria

Due uomini di Andria, entrambi con vari precedenti penali, sono stati arrestati dai carabinieri del comando provinciale di Barletta Andria Trani con l’accusa di estorsione, per aver preteso soldi per restituire un’auto rubata a maggio del 2020 ad un anziano di Bisceglie. Per l’estorsione, con la cosiddetta modalità del cavallo di ritorno, era già stato arrestato in flagranza di reato un complice.

Le indagini dei carabinieri hanno individuato anche le responsabilità degli altri due, ritenuti complici nella pretesa, con violenza e minaccia nei confronti dei familiari della vittima, di 1.500 euro per restituire il veicolo rubato. La prima richiesta di misura cautelare era stata respinta dal gip del Tribunale di Trani, ritenendo non utilizzabili le intercettazioni in cui il terzo uomo indicava gli altri due come concorrenti nel reato ma, nella concitazione dell’arresto in flagranza di reato, erano riusciti a fuggire.

La Procura ha fatto ricorso e l’istanza è stata accolta dalla terza sezione penale del Tribunale di Bari in funzione di appello, disponendo la misura cautelare della custodia in carcere. Il Tribunale ha stabilito la ”effettiva piena utilizzabilità delle intercettazioni nel delineare i gravi indizi di colpevolezza a carico dei due soggetti”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Vendevano mascherine cinesi senza indicazioni in italiano, nei guai due farmacie (una di Bisceglie)

Mille mascherine irregolari. È quanto hanno scoperto i carabinieri del Nas di Bari nell’ambito dei servizi sulla commercializzazione di dispositivi medici e di destinazione d’uso sanitario. Nel corso di controlli presso una farmacia di Bisceglie e un esercizio commerciale di Bari, gestito quest’ultimo da una cittadina di nazionalità cinese, i militari hanno constatato la presenza di migliaia […]

In Puglia cambiano le regole sulle registrazioni dei casi positivi Covid

“Con le nuove regole sulla gestione dei casi confermati covid introdotte dal Governo nazionale, i test antigenici rapidi effettuati in farmacia o nei laboratori privati della rete regionale SARS-CoV-2 e registrati sul sistema informativo regionale sono stati resi equivalenti ai tamponi molecolari, senza necessità di conferma ai fini della sorveglianza e della gestione dei casi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: