Libri nel Borgo Antico, grande successo per la prima serata della rassegna

Grande successo di pubblico per la prima serata della rassegna letteraria Libri nel Borgo Antico. Dopo il prologo teatrale (dedicato a Don Pasquale Uva, di Gianluigi Belsito), ieri, venerdì 26 agosto, ha preso il via la kermesse dedicata alle presentazioni di libri. Largo Castello e le altre cinque piazze del centro storico si sono presto riempite di un pubblico numeroso e attento, che fino a sera tarda ha assistito con grande partecipazione agli incontri con gli autori.

Tra le numerose presentazioni d’eccellenza della prima giornata, in Largo Castello, Edith Bruck in videoconferenza ha raccontato del suo libro “il pane perduto”, edito da La nave di Teseo. Durante la conversazione, sono state accese cinque lanterne, simbolo di altrettanti momenti di speranza vissuti nel corso degli anni di deportazione nei campi di concentramento. L’incontro, condotto da cinque ragazzi partecipanti al progetto “I SoGNALIBRI”, è stato particolarmente emozionante. L’autrice ha sottolineato di aver compreso il valore della vita solo di fronte alla costante minaccia della morte, lasciando l’affollatissima piazza Castello letteralmente ammutolita dinanzi alla profondità delle sue riflessioni. Nel corso della presentazione sono state proiettate le immagini dell’incontro che un gruppo di volontari dell’Associazione Borgo Antico ha avuto con Edith Bruck a Roma nei giorni scorsi, appuntamento nel corso del quale le è stato consegnato del pane impastato e infornato a Bisceglie dai Sognalibri.

A seguire Vittorio Sgarbi ha presentato “Raffaello. Un Dio mortale”, edito da La nave di Teseo. Durante l’intervento graffiante, l’autore si è soffermato sulla sua consapevole inferiorità rispetto a Raffaello, spiegando come un contemporaneo “piccolo” parla di un grande definendolo un “Dio mortale”: una quasi divinità che mantiene in vita, attraverso l’arte, la propria anima.  Infine la serata si è conclusa con la presentazione di Federico Palmaroli (Le migliori frasi di Osho) e il suo “«Carcola che ve sfonno». Il meglio (e il peggio) di un anno italiano”.

Cresce l’attesa per il secondo giorno della rassegna che sarà inaugurato, in Largo Castello, da Jacopo De Michelis, seguito dalla premiazione per il premio letterario Megamark che avrà come protagonisti Cristian Mannu e Maddalena Fingerle. Chiuderà infine Francesca Michelin raccontando il suo romanzo d’esordio, “Il cuore è un organo”.

Il programma è consultabile sul sito www.librinelborgoantico.it/27-agosto/. Info allo 080.396.09.70.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pietro Casella premiato al Concorso Internazionale di Poesia “Città del Galateo – Antonio De Ferrariis”

I lavori letterari di Pietro Casella ricevono un altro prestigioso riconoscimento. Il Premio internazionale di eccellenza “Città del Galateo – Antonio De Ferrariis”, insignito della medaglia del Presidente della Repubblica, consegnerà all’avvocato biscegliese un riconoscimento speciale per la riflessione in versi alla raccolta inedita dal titolo “Henosis” che sarà edita dalla casa editrice Giuseppe Laterza. […]

Vecchie Segherie Mastrototaro: Massimiliano Ancona presenta La bella e il campione. Le fiamme e il sepolcro imbiancato. Quel terribile 1991

Giovedì 29 settembre alle ore 19.00 alle Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie Massimiliano Ancona, accompagnato da Pino Di Bitetto, presenta La bella e il campione. Le fiamme e il sepolcro imbiancato. Quel terribile 1991, edizioni Wip, ingresso gratuito sino ad esaurimento posti disponibili per informazioni 0808091021 e [mailto:info@vecchiesegherie.it)]info@vecchiesegherie.it L’Europa che cambia, le ultime “grandi guerre”, popoli in movimento e colpi di Stato. […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: