Ancora una sentenza contro la “tassa sui cancelli” per le interruzioni di marciapiedi non richieste

La battaglia contro la cosiddetta “tassa sui cancelli” non si ferma e segna un altro punto a favore del contribuente ricorrente e (lo si può affermare proprio sulla base delle sentenze in merito) inutilmente vessato dalla Andriani, società di riscossione dei tributi per conto del Comune di Bisceglie.

Le interruzioni di marciapiede realizzate dal Comune in prossimità di ingressi di abitazioni, non richieste dai proprietari, non possono essere assoggettate al pagamento della Tassa di Occupazione suolo e aree pubbliche (Tosap). Già nel recente passato era stato affermato questo principio dalla commissione tributaria. In quella circostanza, fu accolto il ricorso di una contribuente assistita dall’avv. Cosimo Angarano. I giudici stabilirno che l’Andriani non poteva chiedere il pagamento del tributo a partire dal 2010, pur apportano documentazione fotografica a motivo di fondamento relativa solamente al 2015. La richiesta retroattiva di pagamento, non supportata da altre prove di occupazione del suolo pubblico, è una violazione del principio di leale collaborazione tra pubblica amministrazione e contribuente.
Una sentenza definita a giusta ragione “storica” perchè ha creato un importante precedente.

Tramite la stessa cittadina contribuente e tramite lo stesso avvocato, arriva un’altra sentenza che ribadisce un altro concetto fondamentale che demolisce ogni pretesa in merito da parte della società di riscossione. Un concetto già richiamato nel gennaio 2017 dalla commissione tributaria quando sentenziò che «non risulta che il ricorrente abbia posto in essere alcuna delle attività (sottrazione all’uso pubblico di aree, interruzione di marciapiedi ed altro) che costituiscono il presupposto di denuncia di occupazione di suolo pubblico e di successivo versamento della tassa a fattispecie imponibile».

Ecco, la mancanza di una denuncia di occupazione è già sufficiente a far capire che ad un cittadino che si vede realizzare dal Comune una interruzione di marciapiede davanti al proprio cancello di casa, non si può chiedere il pagamento della Tosap

Nell’ultima sentenza del 31 gennaio 2018, la commissione tributaria per valutare la contestazione di un avviso di accertamento del 2015, non solo ha ribadito che la tassa non è dovuta in base ai principi già enunciati in passato, ma è andata oltre con dei consigli di buon senso al Comune per un’applicazione corretta della tassa e per tutelare l’interesse del cittadino contribuente.

«Di fronte alla reiterata richiesta della ricorrente di inutilità delle opere, e di non utilizzabilità del passo, il Comune avrà modo di impedire l’accesso con automezzi alla proprietà, ripristinando il marciapiede, oppure semplicemente utilizzando le apposite colonnine di ferro infisse al suolo, senza necessità di costose opere murarie. In questo modo l’utilizzo del marciapiede per scopo pubblico verrà garantito, e la proprietà non potrà dolersi di pagare un servizio non richiesto».

Sarebbe sufficiente dunque impedire l’accesso di automezzi anche mediante dei paletti posizionati all’ingresso, visto che opere di ripristino sarebbero costose per il Comune. Nella sentenza, la commissione tributaria ricorda ancora una volta che «il tributo colpisce  non la potenziallità del servizio di occupazione, ma l’effettivo utilizzo. In quel modo non sarà più possibile ipotizzare un presunto utilizzo, che verrà impedito dalle colonnine di ferro».
Dunque -dice la commissione tributaria- basta con «il perpetuarsi di avvisi di accertamento, che creano disagi alla proprietaria».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.