L’interruzione Enel non c’è più, disagi (con beffa finale) alle attività commerciali

Uno di quei giorni in cui dall’avviso dell’Enel si apprende che dovrà mancare l’energia elettrica in un quartiere, diventa fonte di disagio per le attività commerciali. Disagio che poteva essere programmato ma che invece si trasforma in beffa.

L’avviso era stato affisso giorni fa dalle parti di via Luigi Papagni e indicava un periodo di tempo di interruzione nella giornata che andava dalle ore 9 alle ore 17, interruzione motivata da interventi di manutenzione straordinaria alla rete. Un lettore, titolare di una macelleria nella zona, racconta come si sia preparato per salvare la merce che per un giorno sarebbe rimasta invenduta e riferisce di altre attività del comparto alimentare che hanno addirittura pensato di rimanere chiusi.

“Ma non sarebbe possibile fare questi lavori nelle ore serali e notturne?”, si chiedono i commercianti. Il quesito viene girato all’assessore alle manutenzioni del Comune di Bisceglie Natale Parisi, il quale si prodiga per contattare l’Enel e farsi portavoce della richiesta. La risposta è che i lavori sono di somma urgenza perchè “rischia di saltare una cabina”.

Davanti a un’evenienza più grave e all’urgenza che questa portava con sè, i commercianti si rassegnano e regolano la loro attività della giornata (chi restando chiuso, chi mettendo al sicuro la merce deperibile) sulla base dell’interruzione.

Ma l’interruzione di energia elettrica, necessaria per i lavori che a detta dell’Enel sembravano così urgenti e improcrastinabili, non c’è stata. Alle ore 09.05, arriva la comunicazione ad un bar del posto che i lavori sono stati rinviati a data da destinarsi. Una beffa che i commercianti della zona non hanno mandato giù

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Minacce a testimoni, condanne definitive per due ex pm Trani

Sono diventate definitive, dopo che la Cassazione ha rigettato i ricorsi della difesa, le condanne per due ex pm del Tribunale di Trani, Michele Ruggiero e Alessandro Pesce, rispettivamente alla pena di 6 mesi e a 4 mesi di reclusione per concorso in tentata violenza privata. Ora i due magistrati sono in servizio come sostituti […]

La storia di Vincenzo: ecco come mi hanno soccorso e curato il Servizio 118 e Ortopedia dell’Asl BAT

È l’ennesima prova, la dimostrazione tangibile, che la buona sanità, ad accompagnare ogni giorno la vita di ognuno, è improntata nella dedizione di tanti operatori sanitari che quotidianamente, con sacrificio, passione e professionalità svolgono il proprio lavoro senza clamori, anche al netto delle difficili condizioni degli ultimi tre lustri, in particolare in Puglia. Oggi raccontiamo […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: