Tasse comunali, confermate aliquote per Imu e addizionale Irpef. Novità in vista per la Tari

fonte: studioassociatolabtech.it

Quasi tutte le aliquote delle tasse e le tariffe comunali non subiranno variazioni per il 2018.

È quanto si evince dalla lettura dell’ordine del giorno del Consiglio comunale convocato per oggi 28 marzo. La massima assise cittadina è chiamata a discutere 26 punti, molti dei quali riguardano il riconoscimento di debiti fuori bilancio dovuti a sentenze di condanna del Comune a risarcimento in favore di cittadini.

Tra gli argomenti in discussioni ci sono quelli di carattere finanziario tra cui l’approvazione del bilancio di previsione e la determinazione di Imu, addizionale Irpef e Tari. Mentre per le prime due si confermeranno le stesse aliquote dell’anno scorso, per la Tari fu annunciata mesi fa dall’amministrazione comunale una riduzione in forza del risparmio sull’ecotassa regionale determinato dal raggiungimento della percentuale di obiettivo della raccolta differenziata in città.

Appuntamento questo pomeriggio dalle ore 16.30 in prima convocazione presso l’auditorium dell’ex Monasterso Santa Croce.

Annunci

Ricchiuti (Popolo Partita Iva): «Sapevate che paghiamo in anticipo anche le tasse del prossimo anno?»

Non tutti sanno che le tasse che imprenditori e professionisti pagano ogni anno non sono solo quelle relative all’anno precedente. Nossignore. E’ in vigore una legge demenziale per cui queste categorie devono pagare IN ANTICIPO le tasse dell’anno venturo. In altre parole, è come se lo Stato dicesse: “Guarda, siccome ho bisogno di soldi, per cortesia versami in anticipo le tasse anche per l’anno prossimo”. Se poi il contribuente l’anno successivo guadagna di più del previsto, verserà un conguaglio (ovviamente immediato). Se invece guadagna meno del previsto sarà lo Stato a versarlo (manco a dirlo, non immediatamente, ma negli anni successivi).

Continua a leggere

Per 50 comuni la riduzione sui rifiuti. Bisceglie fuori, domanda oltre il tempo massimo. La denuncia di Casella.

A far notare che per Bisceglie non spetterà alcuna agevolazione sulle riduzioni previste per i rifiuti, è il consigliere comunale Gianni Casella.  Che, nel rendere nota la brutta notizia per la cittadinanza biscegliese, esordisce così: «bastava chiedere all’assessore Caracciolo o direttamente ad Emiliano come far la domanda in tempo utile…».

Continua a leggere