U Sinnéche “Mézze servizzie” (Il Sindaco “Mezzo servizio”) (di Nicola Ambrosino)

La satira dialettale ispirata da tragicomiche vicende pubbliche.

Stòve na vólte “Mézze servizzie”,

Sinnéche boune, ma che ne vizzie…

de inaugurò na vólte e pó arrète…

na scóle che, alla féne, nan ère comblète!

Continua a leggere

Annunci

BRUCIA L’ITALIA… ma tu brucia all’Inferno (di Nicola Ambrosino)

Brucia l’Italia e tra roghi il Vesuvio,
si dicon parole d’un eterno profluvio;
arde la terra, la terra mia amata,
muoion speranze in una giornata.

Brucia di rabbia la mia coscienza,
inerme denuncia vibrante impotenza;
vuole scoprire quel turpe assasino…
che incendia il futuro d’un nuovo mattino.

Brucia in eterno, dannato vigliacco;
brucia tra sterpi o chiuso in un sacco;
prova, nei panni d’un esser vivente…
morire tra fuochi, essendo impotente.

Tra mille fiamme, in eterno dannata,
l’anima tua già sia condannata;
e se mandante, tu fossi al Governo,
l’anima tua…bruci all’Inferno!

DIGITHÒNNE… ovvero il futuro delle applicazioni tecnologiche… …spiegòte alla Vescegghìaise! (di Nicola Ambrosino)

DIGITHON, da un’idea dell’On. Francesco Boccia, il futuro dell’innovazione tecnologica e digitale ha trovato dimora a Bisceglie. Un’interessante maratona nel progresso informatico, realizzata tra le splendide e antiche mura di Bisceglie…ma un’anziana nonna chiede al Poeta di spiegarle, in parole semplici e in dialetto, cosa le riserva…il futuro! Una divertente satira, in rime alterne, sul futuro prossimo venturo. Buon divertimento!

Continua a leggere

FINALE DI PARTITA… (satira di Nicola Ambrosino)

All’unisono “Gooooollll” si sente gridare…
nell’italica Patria, che sta per fallire;
solo nel calcio è un dovere esultare,
mentre è assai duro, finanche, morire.

Mille apparecchi sono sintonizzati
e con tricolori si addobban balconi,
sul canale di Stato tutti narcotizzati…
cercan sollievo alle lor privazioni.

Un bimbo, felice, s’ode far festa,
che pigia sul tasto di una bomboletta;
90 minuti…cos’altro gli resta?
Eroiche figure ed…un padre in bolletta!

Fischia la fine quell’uomo in nero,
tutto ritorna alla normalità;
“Abbiamo Vinto!!!”; non ci par vero…
riprende la Vita…in ogni Città.

Allora riprende la nostra partita…
ognuno dovrà sbarcare il lunario;
durerà quanto… lunga è la vita….
fino al riposo…sul deposto sudario.

La prótéste de na cazzòdde! (Le blatte o scarafaggi) -SATIRA LOCALE a cura di Nicola Ambrosino

E’ diventata una psicosi cittadina; si vedono blatte in ogni dove e tutti si spaventano per le infezioni che questi orridi, ma poveri, animaletti portano. Basterebbe una buona campagna di disinfestazione ambientale, fatta per tempo e il problema sarebbe debellato.
In questa satira dialettale, ci ritroviamo le blatte nei posti più impensati…anche su Palazzo S. Domenico, sedute alla scrivania…del Sindaco!

De Turisme?…Ma ce fòdde…
stà a Vescègghie de cazzòdde;
chè te tróuve fóre o balcóne,
sòtte o léitte, o ìnde o salóne!

Stì sfaccéme, ògne maténe
éssene fóre da le tombéne…,
se ne vònne, vrazze a vrazze…,
cammenènne dalla chiazze!

Sò criause…pe re ascìdde;
nan re tróuve quann’è frìdde,
ma a megghiòre, ovère e dà…
quanne fòce calde assà!

Na cazzòdde, alla via Nóve
e pó n’alte, nnènze o Cóve
le crestiéine vedéve aitò
tra re stradére, a passò.

N’alta, bèlle a la stazióne,
dòve a tutte informazióne,
addò stavène re spiagge
e l’albèrghe cu massagge!

Ìune de chère, na maténe,
fèrme nnènze a na vetréne,
stòve dò ad acchiamendò…
qualche véste da accattò!

Na signòre che la trevò…
lèste, se metté a leccuò…
e le disse, nnènze a tutte:
“U Madónne…ce sì brutte!”.

“Te sì viste…nnènze o spécchie!”,
respenné a chèss’alta vécchie…
la cazzòdde, tòtte alteròte…
tòtta rosse e sfastediòte!

“Ma tu véde mó a ce munne,
ne trevéime dó prefunne,
quanne asséme dall’addìure,
de chemìune e fegnatìure!”.

“Ce ne vèdene, in veritò,
tutte ne vólene scazzò;
e ce méile pó t’à fatte…
na cazzòdde, ditte: “Blatte?”.

Tutte quènde l’elettóre…
vònne a déce all’assessóre:
“Véine, curre, fìusce, scappe…
N’èmme anghìute de stì blatte!”.

Pe levanne pó da nènze,
stà giò prònde l’ordinènze;
pòre na’ guerra nucleòre…,
se n’accidéne a megghiòre.

Na cazzòdde, però, na dé
o velène…resesté…
e alla Giunde, preoccupòte…
disse: “Nàh!…Ve sò frecòte!”.

La dia dóppe, cóme a ne razze…
salé sìuse, ìnde o Palazze…
e du Sinnéche, alla screvané…
berafatte…s’assedé!

 

Nicola Ambrosino